10 dicembre 2016

Magaldi, Gran Maestro d’Oriente Democratico: “Rendo omaggio al fratello Gelli, anche se siamo agli antipodi”

Gioiele Magaldi, Gran Maestro d’Oriente Democratico, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito alla storia di Licio Gelli e ai temi dell’attualità politica.

Su Licio Gelli. “Io mi sono sempre collocato agli antipodi di Licio Gelli dal punto di vista dell’interpretazione del ruolo della Massoneria –ha affermato Magaldi-. Detto questo, rendo omaggio ad un fratello di un altro versante ideologico. E’ passato all’Oriente Eterno, termine tecnico massonico per indicare la morte. E vorrei dire che Gelli è stato un grande protagonista, per molti aspetti in negativo, della storia del ‘900. Ma non è stato né un millantatore, né quell’Onnipotente burattinaio che molti pensano fosse”.

Sulla P2. “La P2 era una super loggia su base nazionale, filiazione di una super loggia su base sovranazionale che si chiama Three Eyes. Gelli è stato il coordinatore della P2 senza mai accedere alla Casa Madre in condizione paritetica rispetto ad altri personaggi che pure lo hanno favorito e accompagnato. La Loggia P2 era regolarmente costituita all’obbedienza del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani. I piduisti non erano dei marziani venuti da chissà dove. Si diceva che i piduisti stavano ai massoni come le BR al Partito Comunista Italiano ma non è così. Ben tre gran maestri dell’Oriente d’Italia hanno collaborato con Licio Gelli e la P2 è un pezzo della storia del Grande Oriente d’Italia. La demonizzazione che è stata fatta della P2, così come la sua apologia, sono due posizioni sbagliate dal punto di vista storico. “é Gelli né la P2 sono stati implicati nel rapimento e nell’omicidio di Moro, ma è stato qualche altro massone a gestire quel rapimento, cercando poi di far ricadere le responsabilità sulla P2”.

Gelli e la tendenza neoaristocratica della Massoneria. “Esistono due tendenze fondamentali nei circuiti massonici: quella dei progressisti-democratici e quella minoritaria dei neoaristocratici. Gelli faceva parte di quest’ultimo gruppo. Riteneva cioè che solo alcuni eletti fossero destinati al comando e gli altri invece debbano essere sudditi, quasi delle bestie umane. Queste bestie umane devono essere governate dagli Iniziati. Si tratta di un’aristocrazia, non del sangue, ma dello spirito. Gelli era l’uomo che per conto di circuiti massonici neoaristocratici doveva fare in Italia quello che altrove era stato fatto in Argentina, in Cile, in Grecia, cioè avere un’impalcatura di massoni neoaristocratici che supportassero un governo dispotico, antidemocratico in Italia”.

Sulle parole del magistrato Gherardo Colombo che ha detto ‘Se avessimo tenuto le carte della P2 a Milano avremmo scoperto Mani Pulite 10 anni prima’. “Non sono d’accordo –ha affermato Magaldi-. Bisogna dire che la stessa scoperta della P2 fu un’operazione suggerita sia a Turone sia a Colombo da un altro eminente massone italiano e da altre persone. Non è un’operazione che nasce vergine. Ci sono stati una serie di personaggi che hanno messo la Magistratura sulle tracce della P2 e l’hanno fatto in un determinato momento storico. C’è una certa censura e rimozione main stream, certe domande su questo non vengono poste. Si chieda a Turone e Colombo chi li mise sulle tracce della P2 in quel determinato contesto storico”.

Sul governo Renzi e i presunti legami con la Massoneria. “Attualmente in Europa e nel mondo c’è un’egemonia di super logge di tendenza aristocratica che stanno disegnando una globalizzazione antidemocratica. I governi che si sono succeduti in Europa da Monti a Renzi non c’è stata differenza nel paradigma imperante: austerità ispirata ad una sorta di teologia dogmatica neoliberista. Renzi ha chiesto di essere ammesso a queste logge aristocratiche, ancora non è stato ammessa. In questo momento in Europa e in Italia c’è un’egemonia di questi circuiti massonici neoaristocratici”.

Fonte: Radio Cusano Campus