2 dicembre 2016

Consulta, Magi: un giudice del Vaticano può diventare giudice della Corte Costituzionale? Nomina Prosperetti inopportuna –

Dichiarazione di Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani: “Uno dei tre giudici della Corte costituzionale eletti ieri dal Parlamento è il professor Luigi Prosperetti, che attualmente è giudice di Corte d’appello dello Stato Città del Vaticano”. “A giudicare della conformità delle leggi alla Costituzione italiana che annovera tra i princìpi supremi la laicità dello Stato e quale unico limite espresso alla revisione costituzionale la forma repubblicana dello Stato avremo una persona che esercita la giurisdizione di uno Stato estero a base confessionale, retto da monarchia assoluta, il cui ordinamento prevede che la giustizia sia esercitata ‘nel nome del Pontefice'”. “Una elezione che di certo è inopportuna, forse anche illegittima, rispetto alla quale sono molte le domande senza risposta. Innanzitutto, il professor Prosperetti si dimetterà da giudice del Vaticano? Crediamo lo debba fare a tambur battente nel rispetto della legge”. “Che tipo di giuramenti o di impegni ha assunto per diventare rappresentante giudiziario del Pontefice? Quale sarà la serenità di un giudice che, per cooptazione, ha esercitato la giurisdizione in nome e per conto dello Stato città del Vaticano e del Pontefice, allorquando dovrà giudicare la costituzionalità delle legge che i rappresentati di quello Stato quotidianamente criticano ingerendosi nel processo legislativo italiano? Quale serenità e terzietà vi sarà quando la Corte dovesse giudicare della responsabilità del Presidente della Repubblica?”. “Crediamo siano domande e questioni di opportunità su cui lo stesso Prosperetti dovrebbe riflettere approfonditamente e darne conto al popolo italiano nel cui in nome eserciterà la più alta e delicata giurisdizione del Paese”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5914 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.