7 dicembre 2016

Anguillara – Manciuria: “Pizzorno si rimangia la parola e dice nì alle cave di basalto”

 

“Un illustre politico della Prima Repubblica sosteneva che a pensar male si fa peccato ma alle volte si indovina, perciò credo che per il sindaco sia giunta l’ora di giocare a carte scoperte e ammettere che è favorevole alle cave di basalto nel quartiere di Ponton Elce”.

Commenta così il capogruppo di ScegliAmo Italia Sergio Manciuria, presente all’udienza del TAR Lazio dello scorso 9 dicembre quando, in base alla richiesta di rinvio presentata dal Primo Cittadino, l’avvocato del Comune ha inoltrato la richiesta di uno slittamento dei termini sulla sentenza di merito finalizzata alla verifica di una transazione economica riguardanti il contenzioso per l’apertura di due cave di basalto nel nostro comune, che possa convalidare un iter di concessione regionale lacunoso e contraddittorio in base alla Legge 17/2004.

“Siamo di fronte all’ennesima farsa di una ‘disamministrazione’ che non sa decidere su una vicenda rilevante per l’ambiente e la vocazione turistica della Città – rileva il responsabile sabatino –  che ad un passo dal traguardo da una sentenza puntuale del Tar, preferisce rinviarne il responso e rinnegare la volontà espressa più volte in Consiglio Comunale. Il tutto nell’illusione che un ristoro di quattro soldi in opere di urbanizzazione, tra l’altro in parte da effettuarsi durante la campagna elettorale nei mesi di marzo-aprile 2016, possa dirimere e alleviare i disagi dei cittadini del quartiere”.

“Se Pizzorno, ormai al capolinea per scelta del suo stesso partito e della sua maggioranza  – sottolinea il consigliere – pensa che per pochi spiccioli siamo disponibili a tacere o ritirare i nostri ricorsi, che fortunatamente presentammo congiuntamente, si sbaglia di grosso. Se è coerente rimandi indietro senza esitare la proposta delle due società e affronti l’esito nell’ultima udienza del prossimo due febbraio 2016, oppure predisponga un referendum tra favorevoli e contrari alla cava nei quartieri Ponton Elce- Albucceto – La Riccia e Colle Sabazio”.

“Aspettiamo il sindaco in Consiglio Comunale per fornire spiegazioni legittime su tale comportamento ingiustificabile  – conclude Manciuria – e se qualcuno pensa di ribaltare l’unanimità consiliare avverso le nuove cave con colpi di maggioranza, ci vedrà protagonisti di una battaglia che andrà alla ricerca non solo delle responsabilità politiche  ma anche di quelle penali”.

Riceviamo e pubblichiamo