6 dicembre 2016

Mafia Capitale, processi Venafro e Monge fuori dal maxi-procedimento

I processi relativi alle posizioni di Maurizio Venafro (ex capo di gabinetto del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti) e Mario Monge (presidente del consorzio di cooperative Sol.Co.) non saranno riuniti al maxi-processo di Mafia Capitale. Lo ha stabilito il presidente della X sezione penale del Tribunale di Roma, Rosanna Ianniello, respingendo l’istanza di riunione presentata dalla Procura di Roma.

Le posizioni di Venafro e Monge, per i quali il gup aveva già disposto il giudizio, riguardavano quella parte dell’inchiesta Mafia Capitale relativa all’appalto del Centro Unico di Prenotazione della sanità laziale per la quale sono accusati di turbativa d’asta. “Considerato che la riunione determinerebbe comunque un ritardo nella definizione del procedimento a carico di Bolla + 45 e in relazione alle posizioni di Monge e Venafro la definizione risulterebbe inevitabilmente ritardata in caso di riunione, per questi motivi respinge la richiesta di riunione e dispone il rinvio dei due procedimenti, a carico di Mario Monge e Maurizio Venafro, dinanzi al giudice già designato”.
Fonte: agenzia dire

Il legale di Venafro, Maurizio Frasacco, aveva chiesto la riunione dei procedimenti, perché pur “consapevole dell’aggravio in termini temporali e difensivi che si viene a determinare per Venafro la necessità per l’imputato e’ fare chiarezza”, inoltre “la separazione dell’esame del fatto riguardante gli altri imputati da quella relativa a Venafro non potrebbe non portare a una valutazione organica e a una decisione logica nei due distinti procedimenti”.

Diverso era stato l’avviso dell’avvocato di Monge, Franco Lazzarone, “Monge ha interesse a una rapida definizione della sua posizione che e’ molto particolare, anche il capo imputazione e’ una sorta di concorso esterno. Si tratta di una condotta decisamente limitata e in questo modo si rischia dai fare diventare complessa una vicenda che non lo è”. Il processo a Venafro e Monge riprendera’ il 17 febbraio alla seconda sezione del Tribunale di Roma secondo collegio. Il primo verrà eseguito con rito immediato (non essendosi presentato l’imputato dinanzi al gup).

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5974 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.