9 dicembre 2016

Fiumicino – Velli, M5S: “C’è ancora chi non ha né voce né diritti e viene lasciato a dormire al freddo”

Sono giorni bui a Fiumicino quelli che invece dovrebbero preparare a celebrare al meglio le festivita’ natalizie. Proprio sulla via Portuense nel parcheggio difronte al cimitero, due senzatetto si sono visti sequestrare la roulotte e abbattere la baracca in cui abitavano, e che era li’ da 10 anni.

Adesso dormono in una tenda e mentre tutta la comunita’ cittadina ha attivato una catena di solidarieta’ per portare aiuto ai due malcapitati,l’amministrazione comunale si rimpalla le responsabilita’ e perde tempo senza trovare nessuna soluzione. Proprio ieri gli uffici comunali hanno rilasciato una dichiarazione protocollata in cui si dichiarano le motivazioni per cui viene negata la residenza a uno dei due senzatetto all’indirizzo fittizio della casa comunale, ma ad un primo esame le motivazioni addotte risultano in aperto contrasto con quanto stabilito dalla normativa vigente.

L’iscrizione all’anagrafe comunale è un diritto riconosciuto e non una concessione dell’amministrazione comunale, che ha l’obbligo di rispettare le disposizioni di legge in materia, pena seri provvedimenti giuridici. Il colmo l’ha raggiunto il Sindaco Montino, che nel Consiglio Comunale del 15 dicembre ha risposto alla Question Time della consigliera comunale del Movimento5stelle Fabiola Velli, affermando che si trattava di un abuso edilizio che non poteva permettere e che comunque non ci sono né fondi né abitazioni disponibili per risolvere il problema.

La consigliera pentastellata ha replicato che di abusi edilizi a Fiumicino ce ne sono tanti ben peggiori, e che questo è solo il tentativo di due persone di dare una risposta alla loro emergenza abitativa vista la latitanza dell’Amministrazione Comunale. Velli ha anche chiesto al Sindaco Montino perché mai sia stata votata nel novembre 2014 la Delibera di Giunta che istituisce la “via della casa comunale” appositamente per dare una residenza anagrafica alle persone senza fissa dimora ed ai senza tetto, se poi all’atto pratico la risposta è che non ci sono né alloggi di emergenza né fondi per aiutare davvero le persone in difficolta’ abitativa.

Viene da pensare che per l’ennesima volta quella delibera sia servita solo per fare qualche bell’articolo stampa e niente di piu’. Insomma mentre il Natale si avvicina, a Fiumicino nel 2015 c’è ancora chi non ha né voce né diritti e viene lasciato a dormire al freddo mentre nel regno dell’ipocrisia ci si prepara a celebrare la santa messa nell’aula del consiglio comunale.

Così in una nota il Movimento 5 Stelle di Fiumicino

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.