5 dicembre 2016

Olio di oliva contraffatto, Mongiello: “Sanzione amministrativa risibile di fronte ai guadagni dei falsari”

A pochi giorni dall’inchiesta che ha smascherato 7.000 tonnellate di falso olio extravergine Made in Italy, arriva in parlamento un provvedimento che depenalizza la contraffazione della designazione d’origine. Le aziende che riportano in etichetta “segni, figure o illustrazioni in sostituzione della designazione dell’origine o che possono evocare un’origine geografica diversa da quella indicata…”  se la possono cavare con una multa a 9.500 euro. Colomba Mongiello, deputata del PD e Vice presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla contraffazione, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito a questo tema.

“La legge salva olio approvata 2 anni fa è tuttora operativa ed è un’ottima legge –ha spiegato Mongiello. Ora scopriamo che le sanzioni penali muteranno in sanzioni amministrative. Lo ho scoperto per caso e con mia grande sorpresa perché è uno degli articoli più utilizzati dai magistrati. Se pensiamo che l’ultimo sequestro di Bari vale 10 milioni di euro, una multa di 9.500 euro non scoraggia certo i falsari. Inoltre se sei già stato sanzionato con l’ammenda non puoi subire un’altra sanzione penale. Nei prossimi giorni cercheremo di far capire che questo provvedimento è inopportuno e di convincere il Ministero a ritirarlo. Non bisogna vanificare l’ottimo lavoro del parlamento che le Procure stanno utilizzando”.

“Noi siamo i primi importatori al mondo di olio d’oliva –ha affermato Mongello-. Ne abbiamo pochissimo di olio in Italia. Il problema è che dobbiamo scrivere ciò che imbottigliamo, se è olio italiano dobbiamo scriverlo, se è olio di altri paesi dobbiamo scriverlo. E’ un settore appetibile dall’agro pirateria. Non dobbiamo dimenticare che il nostro obiettivo è la tutela del Made in Italy altrimenti vanifichiamo il lavoro dei nostri produttori”.

Fonte: Radio Cusano Campus