3 dicembre 2016

La stagione di Enrico Folegnani

Piloti del calibro di Max Biaggi, Troy Corser, Fred Merkel, Aaron Slight e Tetsuya Harada hanno in comune l’aver avuto nella loro squadra tecnica l’italiano Enrico Folegnani.

Il tecnico di La Spezia quest’anno è stato impegnato nel box Aprilia di Leon Haslam ed ha concluso la stagione così come l’aveva iniziata, ossia con un successo: “Ad inizio anno – racconta – la nostra moto non era male anche se, per Leon, erano subito sorti problemi nei cambi di direzione e nelle curve lente. Fastidio che ci ha accompagnato tutta la stagione. Lo sviluppo della moto, credo, sia stato un po’ lento durante il campionato. Leon è sempre stato al 100% ma è capitato probabilmente in un momento poco favorevole. Il nuovo regolamento, poi, ha colpito la moto dove aveva il suo punto più forte, ossia il motore”.

La Superbike ha visto, seppur per quattro manche, il ritorno alle gare di Max Biaggi: “Rivedere Max – dice – in moto e nel box, concentrato come qualche anno fa, è stata una bella emozione e credo sia stata un’esperienza positiva. Sulle sue doti di collaudatore, poi, dico che era già sensibile quando aveva meno esperienza. I fatti dicono che su una moto sviluppata da Max vanno forte tutti!”.

Una stagione ricca di emozioni belle e meno belle: “Il momento – svela – più bello è sempre la vittoria e solo la doppietta offre un piacere superiore. A noi quest’ultima, però, è mancata. Un momento brutto è stato quando abbiamo scoperto che l’Aprilia avrebbe lasciato la Superbike; oltre all’aspetto sportivo, che mi trova in disaccordo, è stato poco piacevole anche perchè molte persone sono rimaste senza lavoro”.

Il futuro della Sbk: “I problemi economici –spiega – stanno abbassando il livello generale delle competenze e delle qualità. L’idea di correre una gara il sabato e l’altra la domenica la trovo obsoleta. Sono convinto che si debba cambiare la formula dell’evento che ormai non rappresenta più una novità. A mio avviso è giusto che la Superbike si differenzi nettamente dalla MotoGp; vedrei bene gare un po’ più lunghe, magari con uno o due pit stop con rifornimento e cambio gomme”.

Uno sguardo al futuro: “Sinceramente – afferma – negli ultimi anni questo mondo è cambiato molto e si è progressivamente allontanato da quello che ho avuto la fortuna di vivere per più di 25 anni. Ora sono deluso……potrebbe essere arrivato il momento di guardare altrove”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.