10 dicembre 2016

La scrittrice Dacia Maraini a Pozzuoli: una testimonianza sul “fine-vita”, tra misericordia e rispetto della persona

La scrittrice Dacia Maraini aprirà la serie degli incontri di in-formazione su “Il fine-vita, tra Misericordia e rispetto della persona” proposti dall’associazione Puteoli Pro Vita onlus.

L’evento si svolgerà mercoledì 16 dicembre (alle ore 18,30) nell’Auditorium della sede operativa dell’Associazione, cioè il “Centro per la Vita Luigi Saccone” al Villaggio del Fanciullo, in via Campi Flegrei, 12 a Pozzuoli.

Dacia Maraini, presentata dal professor Massimo Lo Iacono, proporrà la sua riflessione su tema della morte e sulla “fine-vita”. L’incontro in programma è il primo di una serie proposti dall’Associazione nell’ambito delle iniziative per celebrare i suoi primi xxv anni di attività, un anniversario che ben si coniuga con il Giubileo della Misericordia voluto da Papa Francesco. Nel corso del 2016 sulla stessa tematica sono in programma altri appuntamenti con intellettuali, tra i quali i teologi Bartolomeo Sorge e Piero Coda, il bioeticista Adriano Pessina, lo scrittore Erri Del Luca e il filosofo Massimo Cacciari.

La partecipazione agli incontri è gratuita. Per partecipare inviare un’email a

eventi@centroperlavitaluigisaccone.it

Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). Scrittrice di fama internazionale, è autrice di numerosi libri per i quali ha ricevuto vari riconoscimenti. Nel 2011 pubblica “La grande Festa” (Rizzoli) che con un linguaggio profondo e complesso come quello con cui ci parlano coloro che abbiamo amato e non sono più con noi, ineffabile come il paese che abitano. I sogni e i ricordi sono il solo passaggio per questo luogo in cui le epoche della vita si confondono, “un’isola sospesa sulle acque, dai contorni sfumati e frastagliati”. Così, attraverso il filtro essenziale della memoria e del sogno, l’autrice racconta in questo libro intenso e intimo coloro che ha amato, che l’hanno amata e che vivono ora solo attraverso i ricordi: “nel giardino dei pensieri lontani” rievoca e incontra la sorella Yuki, il padre Fosco, Alberto Moravia, Giuseppe Moretti – l’ultimo compagno scomparso prematuramente per una malattia crudele – l’amico carissimo Pasolini e un’inedita e fragile Maria Callas. Perché il racconto ha il potere di accogliere e abbracciare come in una grande festa le persone amate, restituendo al momento della fine, che oggi sempre più si tende a negare, a nascondere, quel sentimento estremo di bellezza e consolazione che gli è proprio. Il 25 novembre scorso l’autrice ha perso la madre all’età di 102 anni. Marini è molto legata all’area flegrea e in modo particolare a Bacoli di cui è cittadina onoraria.

L’attività principale dell’Associazione Puteoli pro Vita onlus è la gestione del “Centro per la Vita Luigi Saccone Presbitero”. Il Centro ha lo scopo di affermare e tutelare la vita in ogni fase dello sviluppo, sensibilizzare al valore della dignità e del rispetto dell’essere umano, garantire la realizzazione dell’armonia del benessere psico-fisico della persona in conformità alla visione cristiana della vita, proposta nel messaggio evangelico e nell’insegnamento del Magistero della Chiesa. Il Centro per la Vita Luigi Saccone è una organizzazione non-profit che si occupa in primo luogo di diffondere e promuovere l’insegnamento dei metodi per la procreazione responsabile, secondo quanto indicato dal Magistero della Chiesa, e di formare ai metodi naturali di regolazione della fertilità, quali il metodo Billings. Principi fondamentali dell’associazione sono la promozione, la condivisione e la divulgazione della conoscenza, del coraggio, della virtù, della compassione e, soprattutto, dell’enorme potenziale umano. Tali principi sono messi in atto grazie ad una fitta rete di collaborazione di esperti volontari che hanno deciso di dedicare e investire parte del proprio tempo in attività di beneficenza.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5991 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.