4 dicembre 2016

Il Napoli bloccato sullo 0-0 da una Roma operaia

Il derby del sud finisce con un pari a reti inviolate e fa  felice l’Inter di Mancini che  ringrazia ed allunga in classifica e la Juve di Allegri che continua la rincorsa alla vetta e si assesta al quarto gradino a soli 2 punti dagli azzurri .  E’ stato un vero e proprio monologo napoletano che ha provato a vincere dal primo all’ultimo minuto della contesa ma, questa volta, ha trovato nella Roma una squadra diversa dal solito ; il buon Garcia, infatti, ha pensato bene a difendere la propria panchina  schierando una formazione umile ed operaia che ha difeso il fortino come la più classica delle provinciali ed i numeri della partita parlano più e meglio di ogni commento: il Napoli ha avuto un possesso palla del 61%, ha collezionato quasi il doppio di passaggi dei romani, 7 calci d’angolo contro 1 ma il dato che fa più impressione è lo zero nella  casella dei tiri in porta dei giallorossi.  Questo la dice lunga sulle reali intenzioni dei capitolini,  scesi al S.Paolo  con il principale obiettivo di non prenderle anche perchè reduci da una dura  battaglia di Champions League  e consapevoli  dello  stato di forma non esaltante di alcuni tra i suoi uomini più importanti  , Salah e Pjanic su tutti. Il Napoli, con ancora la sconfitta di Bologna nella mente di molti, ha costruito il solito gioco di sempre fatto di manovre belle a vedersi ma, stavolta,  sterili e improduttive, con  i suoi migliori interpreti mai così nervosi ( Higuain) e poco lucidi sotto porta ( Insigne – Hamsik).  Ad uno stato di forma non più al top ed una pressione  psicologica mal gestita va aggiunto, probabilmente, il fatto che gli avversari stanno affinando le contromosse per arginare gli schemi di attacco dei napoletani; sarà compito del buon Sarri, quindi, tecnico attento e pragmatico, trovare  velocemente la giusta medicina per far tornare a correre il Napoli e riprendere la rincorsa alla vetta del campionato, prima che sia troppo tardi.