Davide Rigon trionfa nella 12 Ore del Golfo

Secondo successo consecutivo nella 12 Ore del Golfo per Davide Rigon. Nella gara diventata ormai un appuntamento classifico di fine anno lungo i 5.554 mt dell’affascinate tracciato di Abu Dhabi, il talentuoso driver veneto della Ferrari ha bissato il successo del 2014, questa volta però al volante della Ferrari 458 Italia del team Kessel

Insieme al gentlement Michael Broniszewki e a Giacomo Piccini, l’equipaggio della compagine svizzera ha saputo dominare il palcoscenico imprimendo un ritmo insostenibile per tutti, portandosi fin dalle prime battute al comando della gara, dopo aver preso il via dalla quarta posizione. Con un grande stint, Davide ha messo in pista tutto il suo talento restando in macchina per oltre 5 ore, contribuendo in maniera decisiva al successo. Nella seconda metà di gara la Mercedes SLS AMG ha tentato il colpaccio, ma nulla ha potuto contro la rossa numero 11 che si è portata a casa anche la quinta edizione.

Davide saluta il suo 2015 con un bella vittoria, dopo la stagione nel Mondiale World Endurance Championship. “Prima di pensare alla vacanze tornerò al lavoro al Simulatore F1 della Ferrari. Sono veramente felice per questo successo. Sia io che i miei compagni abbiamo fatto un ottimo lavoro e devo fare i complimenti anche al team Kessel per averci messo nelle condizioni di raggiungere questo bel risultato. Fin dalle prove libere avevamo dimostrato di essere in gran forma e anche il mio giro in qualifica è stato ottimo. La media dei tempi poi ci ha fatto scalare in seconda fila. Nelle prime 6 ore di gara però siamo stati bravissimi a recuperare il distacco portandoci al comando, concludendo l’opera nella seconda parte. E’ stato un successo non facile, sia per il caldo che per il buon livello dei piloti che delle vetture. Mi fa piacere aver chiuso lo straordinario ciclo della Ferrari 458 Italia con un successo” commenta con entusiasmo Davide Rigon

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8338 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.