9 dicembre 2016

Calcio – Serie A, le dichiarazioni dei protagonisti nel post partita a San Siro di Milan-Hellas Verona

Serbia's head coach Sinisa Mihajlovic looks on during the group A World Cup qualifying soccer match between Croatia and Serbia in Zagreb, Croatia, Friday, March 22, 2013. (AP Photo/Darko Bandic)

ANDREA BERTOLACCI
“Purtroppo in queste due partite non abbiamo ottenuto il massimo risultato, dispiace perché sulla carta erano alla nostra portata. Volevamo uscire da questa situazione e queste due partite ci potevano aiutare. Ora ci aspetta una partita difficile in Coppa Italia contro la Samp e poi il Frosinone, dobbiamo reagire. Non mi piace commentare gli errori arbitrali però nel primo tempo ci sono stati annullati due gol, ora dobbiamo rialzarci. Siamo una squadra forte, lo continuo a ribadire perché lo siamo, dobbiamo uscire da questa situazione tutti insieme. A volte la voglia sfrenata di voler fare i tre punti ci ha penalizzato, sicuramente l’episodio del rigore ci ha tagliato un po’ le gambe anche perché siamo rimasti in 10, ciò nonostante ci abbiamo provato. Puntiamo anche alla Coppa Italia, non sarà facile perché la Samp in casa è una squadra forte”.

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“Come spiego il pareggio? Non parlo mai degli arbitri, ma visto che non porta nulla di buona, posso dire che siamo stati danneggiati. Due gol annulati, un rigore su Bonaventura. Siamo stati polli sul rigore del Verona e dico che dovevamo vincere. Ma quando crei tutto quello che ho elencato sopra, è un po’ difficile vincere. In questa gara penso di si, gli arbitri devono applicare il regolamente. Ed è lo stesso arbitro della gara contro la Fiorentina. Non siamo fortunati con lui. Noi ci mettiamo del nostro, ma non doveva finire così. Anche in 10 abbiamo creato occasioni, ma questa gara è stata condizionata sicuramente. Sono bravo, ma non sono scemo. Non voglio essere preso in giro. Abbiamo fatto 18 tiri, di cui 7 in porta. Questi sono i dati a mia disposizione.
Noi nel primo tempo se ricordo bene, facciamo due gol annulati e tre gol occasioni da gol sbagliate da noi. In 10 per 35 minuti creiamo altre occasioni e c’era un rigore su Bonaventura. Comunque il Milan ha creato occasioni e nella ripresa abbiamo sofferto. Non mi pare giusto parlare male della squadra. Quello che dovevamo fare l’abbiamo fatto.
Recuperare? Vincere le prossime partite. Se vincevamo oggi eravamo in media a 2 punti a gara. Ci mancano ancora tre partite a fine girone d’andata. Vediamo dove arriveremo. Bertolacci era un cambio che volevo fare. Deve entrare in condizione. Lui, Kucka e Cerci sono entrati bene in partita. Il Verona ha fatto la partita che doveva. Stavano chiusi e poi lanci su Toni. Sui corner abbiamo difeso bene, loro sono comunque esperti e penso possano salvarsi. Toni è un ottimo ragazzo e professionista. Penso sia stato uno dei migliori attaccanti degli ultimi 25 anni. Sicuramente è un grande centravanti. Anche a noi con Luiz Adriano la settimana scorsa lo hanno “abbracciato”.
Non credo che la squadra cadrà in depressione. I giocatori sono pagati per giocare ed io per allenare. Sono cose che capitano. Le ho accettate fino ad ora, ma adesso non più. Non mi piace la superficialità. Non ho mai parlato di arbitri, vuol dire che abbiamo passato il liimite.
La squadra ha reagito anche con il Carpi, creando occasioni. Non abbiamo fatto gol ed è dura poi vincere. Oggi hanno fatto quello che dovevano fare i miei giocatori.
Non so cosa si possa fare. Bisogna applicare il regolamento. Mi arrabbio con i miei, qualche volta non ho parlato di decisioni dubbie. Ripeto non ho mai discusso in vita mia di arbitri, ma questo volta si, non mi ero mai trovato in situazioni simili. La Società farà quello che ritiene opportuno”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.