8 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Sarri: “Domani dobbiamo giocare col cuore”

Il tecnico azzurro: la Roma ha una rosa da scudetto, voglio che i miei ragazzi interpretino il sentimento dei tifosi

“La Roma è favorita, ha una rosa costruita per lottare per il titolo. Noi dovremo giocare con il cuore ed interpretare il sentimento dei nostri tifosi”. Maurizio Sarri è chiarissimo e deciso nel presentare questo Napoli-Roma che il tecnico definisce come un “derby” percependo l’attesa della città.

E’ uno scontro diretto per il vertice?

“A noi domani della classifica non importa assolutamente niente. Dobbiamo far prevalere l’aspetto emotivo, vogliamo giocare per i napoletani, per far contenta la nostra gente, sappiamo che per loro è una partita importantissima, forse la più sentita e noi dobbiamo gettar via la professionalità andando in campo con il cuore per i tifosi”.

Per i bookmakers il Napoli è super favorito:

“Non mi interessano le scommesse e ciò che dicono gli altri. La Roma è l’antagonista naturale della Juventus per struttura, investimenti e rosa. E’ una squadra fortissima, una delle principali pretendenti al titolo, ha avuto qualche infortunio ma resta un gruppo che punta allo scudetto”.

C’è il rischio, invece, che la sua squadra pensi di essere favorita?

“Non penso che la squadra si senta favorita domani, sarebbe come sconfessare tante realtà. Gli investimenti della Roma negli ultimi anni sono stati enormi, quindi i favoriti sono loro. Noi la partita di domani la consideriamo come un momento unico, dobbiamo interpretare il sentimento della città, la viviamo in ottica derby e quindi, ripeto, va vissuta in senso soprattutto emotivo, giocando con l’anima e con il cuore. Ovviamente parlo di sana rivalità sportiva e nulla che attenga a discorsi extra calcistici”.

Napoli da record in Europa. Che bilancio ha tratto dal match con il Legia? “Buonissimo. E’ stata una risposta importante perché la squadra ha giocato una prova seria in un clima non semplice. E’ stata una prova di mentalità notevole anche se il gol alla fine non l’ho digerito”.

Come giudica la prova di Chalobah?

“Chalobah è in crescita, ha buona tecnica ma non ha fatto una partita che mi ha soddisfatto tatticamente. E’ giovane ed in prospettiva può diventare un giocatore importante. Adesso deve fare serenamente il suo percorso”

A Bologna pensa che la difesa abbia accusato un calo?

“A Bologna la linea arretrata ha fatto degli errori semplicemente perché è stata sollecitata troppo. Se andiamo sotto palla dieci volte, magari nove volte siamo bravi ed attenti, ma se per cinquanta volte nell’arco di una gara c’è distanza tra i reparti e andiamo sotto pressione è chiaro che le occasioni le concediamo. La fase difensiva di squadra è stata inferiore a quella delle gare precedenti e quindi la linea arretrata ha pagato le conseguenze”.

La Roma viene da un match molto dispendioso con il Bate, può essere un vantaggio per voi?

“Io penso che noi, la Lazio e la Fiorentina siamo le squadre più penalizzate dagli impegni continui tra campionato e Coppa perché evidentemente la Lega non tiene in grande considerazione chi gioca il giovedì in Europa League a guardare i calendari. Quindi alla lunga chi è penalizzato è il Napoli se la mettiamo sul piano degli incontri ravvicinati”.

Garcia ha detto che tra Dzeko e Higuain si tiene Dzeko:

“Ed io mi tengo Higuain”.

Può essere domani una sfida tra i due bomber?

“Credo che sia riduttivo. Domani in campo ci saranno tanti calciatori di qualità. Certamente Higuain e Dzeko sono due campioni e possono decidere sempre una gara. Però onestamente credo sia una sfida tra due squadre non due giocatori”

Fonte: sscnapoli.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.