3 dicembre 2016

Salva banche, Agostino Megale: “Lavoratori bancari costretti al cottimo vittime delle pressioni dei manager”

Agostino Megale, segretario generale della Fisac Cgil, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Voglio innanzitutto far sentire la mia vicinanza alla famiglia del pensionato che si è tolto la vita in ragione di questa situazione drammatica –ha affermato Megale-. Nessuno dovrebbe mai essere in queste condizioni. Senza assecondare i tanti populismi che strumentalizzano queste vicende, penso che tutti coloro che stanno alzando la voce, tipo Salvini, dovrebbero abbassare i toni e porsi nella logica di tutelare i risparmiatori e i lavoratori. Il decreto si è reso necessario per salvare 4 banche la cui crisi è stata determinata da banchieri e top manager che in rapporto ai loro interessi privati hanno portato al dissesto queste realtà. Questo decreto comunque produce un problema verso una quantità di risparmiatori. L’idea che ho lanciato è un’alleanza forte tra il lavoro e il risparmio per tutelare chi ha investito in questa realtà e ora si trova in questa situazione”.

“I lavoratori bancari –ha spiegato Megale- sono vittime di una situazione in cui chi ha emesso le obbligazioni subordinate è il top manager della banca. Chi approva, ritenendoli illeciti, quei titoli sono gli istituti di vigilanza. I manager delle banche dovrebbero avere chiaro che, trattando di prodotti sensibili e con qualche rischio, non devono fare pressioni al lavoratore bancario dicendo: ‘O vendi o ti mandiamo via’. I lavoratori sono costretti al cottimo. Inoltre, queste obbligazioni subordinate non sono state emesse adesso. Queste banche sono state commissariate dopo anni di ispezioni della vigilanza e dopo aver avvertito una cattiva gestione, hanno rimosso i banchieri. Dopo il commissariamento, non sono più state emesse obbligazioni subordinate, quindi i titoli di cui parliamo sono titoli emessi quando la banca andava bene. E magari in quel momento rappresentavano un normale investimento. Ma quando la banca precipita in una situazione fallimentare la situazione cambia”.

“Bisogna riportare le banche al servizio del Paese e non al servizio dei banchieri –ha affermato Megale-. I banchieri e i manager che hanno sbagliato devono andare in galera e starci il tempo giusto”.

Fonte: Radio Cusano Campus