7 dicembre 2016

Libia, Prof. Porcasi: “Bernardino Leon non è stato un mediatore super partes”

Il 16 novembre si è conclusa l’esperienza di Bernardino Leon come inviato delle Nazioni Unite in Libia. L’ex diplomatico spagnolo ha passato le consegne al nuovo inviato di Ban Ki-moon, il tedesco Martin Kobler. Sulla vicenda si è espresso il Prof. Vincenzo Porcasi, , docente di Politiche europee di vicinato e prossimità all’Università Niccolò Cusano, intervenuto ai microfoni della trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli su Radio Cusano Campus, emittente dell’UniCusano (www.unicusano.it).

“Il negoziatore deve essere al di sopra delle parti e dev’essere percepito come tale –ha spiegato il Prof. Porcasi-. Leon non è stato percepito come una persona al di sopra delle parti. La storia ci dice che improvvisamente qualcuno ha riferito, in sede di Consiglio di Sicurezza dell’Onu e in sede di Segretariato Generale dell’Onu, che avvenivano dazioni di denaro da parte della Penisola arabica in favore di Leon. Inizialmente Ban Ki Moon ha difeso Leon perché non aveva le prove dell’accusa formulata. Questa difesa è durata circa una settimana. Poi ci sono state le dimissioni di Leon. Contestualmente alle dimissioni, lui è stato chiamato a dirigere l’Accademia diplomatica degli Emirati Arabi Uniti e ha avuto come compenso ufficiale per il nuovo incarico 1240 dollari al giorno. Gli è stato messo a disposizione un intero palazzo e un aereo personale per i piccoli spostamenti territoriali. Sembrerebbe essere una ricompensa per un servizio reso. Il mancato accordo tra i governi libici di Tobruk e Tripoli è demerito di Leon, ma anche della percezione che Tripoli e Tobruk hanno avuto sul fatto che c’erano troppi interessi esterni alla Libia in merito all’accordo. I libici non amano essere militarmente o ideologicamente occupati da qualcuno, perché sono forti delle loro tradizioni e dei loro valori”.

Fonte: Radio Cusano Campus