4 dicembre 2016

Giallo di Arce, suicidio del brigadiere, Maria Tucci: “Mio padre non si è suicidato, stiamo cercando di riaprire il caso”

IL GIALLO DI ARCE: LO STRANO SUICIDIO DEL BRIGADIERE SANTINO TUZI. Maria Tuzi (figlia di Santino) a Radio Cusano Campus: “Mio padre non si è suicidato, si è trovato coinvolto in una situazione più grande di lui legata alla morte di Serena. Ecco perchè da tempo stiamo cercando di far riaprire il caso. Il 18 dicembre a Sora in una manifestazione pubblica renderemo note alcune anomalìe che gli avvocati hanno scoperto scavando tra le carte dell’inchiesta”

Rischia di essere archiviato il caso della morte della diciottenne Serena Mollicone, la studentessa di Arce scomparsa il 1° giugno 2001 e trovata senza vita due giorni dopo nel boschetto di Fonte Cupa, in località Anitrella. Fu invece chiuso subito e archiviato come “suicidio”, il caso del Brigadiere Santino Tuzi, morto appunto suicida nell’aprile del 2008, due giorni dopo aver dichiarato di aver visto Serena Mollicone entrare nella Caserma dei carabinieri di Arce durante il suo turno di guardia il giorno in cui la giovane sparì.

Maria Tuzi, figlia del Brigadiere Santino, è intervenuta ai microfoni della trasmissione “La Storia Oscura” su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).  “Io non credo che mio padre si sia suicidato -ha affermato Maria Tuzi- perché il periodo che stava vivendo non era brutto, non era depresso, non aveva motivo di suicidarsi. Io in quel periodo ho avuto un bambino e lui mi diceva sempre: “Tranquilla che fra qualche mese vado in pensione e il bimbo te lo tengo io, non hai bisogno di pagare qualcuno”. Quindi faceva anche programmi a lungo termine. Il giorno in cui è morto, mio padre ha ricevuto una telefonata. E’ uscito dicendo: “Vado un attimo ad Arce e torno subito”. Era sicuramente uscito per tornare, non ci ha fatto pensare che non sarebbe tornato. Una sua amica lo ha invitato a prendere un caffè da lei, lui ha detto: “Vado urgentemente ad Arce, poi quando torno prendiamo il caffè”. Questo mi fa pensare che non aveva intenzioni suicide. Non abbiamo il prosciutto davanti agli occhi, se fosse stato depresso ce ne saremmo accorti. Anche il suo medico ha detto che non ha mai fatto uso di farmaci antidepressivi”.  

E’ strano che una persona che vuole suicidarsi si spara il colpo al cuore -ha aggiunto Maria-. Generalmente ci si spara alla tempia. La pistola era sistemata sul sedile di fianco, non l’aveva né in mano, né era caduta per terra sul sedile. A casa mio padre non ha mai fatto riferimento al caso di Serena Mollicone. Lui ci diceva che i carabinieri stavano indagando, non ci ha mai dato informazioni. Lui diceva che a volte la tv ingrandisce le cose, non dava mai informazioni precise sul caso, sviava sempre l’argomento”.  

Stiamo cercando di far riaprire le indagini sulla morte di mio padre -ha aggiunto Maria Tuzi-. Il 18 dicembre prossimo al comune di Sora organizzeremo una manifestazione per ricordare mio padre e dare notizia di alcune novità che abbiamo trovato leggendo le carte dell’inchiesta. Il caso di mio padre per noi risulta collegato al caso di Serena. Abbiamo riscontrato delle anomalie. Stiamo collaborando con il padre di Serena, speriamo che lui riesca a non fare archiviare quel caso mentre noi cerchiamo di far riaprire il caso legato alla morte di mio padre. Secondo me mio padre si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato, si è trovato coinvolto in una situazione più grande di lui e non l’ha saputa gestire. E’ stato minacciato e quindi è stato costretto a coprire qualcosa che lui voleva dire già prima dell’interrogatorio prima della sua morte. Alla fine si è liberato, fornendo quella deposizione ai magistrati”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=483&dl=5822

Fonte: Radio Cusano Campus