Calcio – Serie A, alla vigilia della sfida contro l’Inter, mister Stefano Colantuono ha detto la sua in conferenza stampa

Atalanta's coach Stefano Colantuono waits for the start of a Serie A soccer match against Chievo at Bentegodi stadium in Verona, Italy, Saturday, Oct. 5, 2013. (AP Photo/Felice Calabro')

Alla vigilia della sfida contro l’Inter, mister Stefano Colantuono ha detto la sua in conferenza stampa.

La sconfitta di Firenze è stata accusata dal gruppo?
“I ragazzi si sono sempre applicati alla grande. A Firenze hanno fatto quello che dovevano fare, ma purtroppo gli episodi alla fine hanno fatto la differenza. Come atteggiamento ci siamo comportati bene, anche se prendere tre gol non è mai facile da smaltire. Devo dire che i ragazzi hanno lavorato benissimo in settimana e che quindi domani metteranno in campo il loro massimo come al solito. Badu? E’ molto difficile che ce la faccia. Se non dovesse esserci, avremo dei giocatori con caratteristiche diverse, come ad esempio Bruno, che ha meno dinamismo negli inserimenti e meno forza, ma molta più qualità palla al piede e nel saltare l’uomo. Sono comunque due giocatori votati alla fase offensiva”.

Ci sarà Di Natale?
“Non sempre la squadra del giovedì è stata quella della domenica, anche se è probabile che Totò possa giocare domani. Ho ancora due allenamenti per decidere, ma non nascondo che il suo utilizzo dal primo minuto sia molto probabile. E’ una partita di un certo tipo, che può tranquillamente sia entrare in corsa che giocare dall’inizio. Dal punto di vista fisico è in crescita”.

Cosa dovrà fare l’Udinese per mettere in difficoltà l’Inter?
“L’Inter ha pochi punti deboli. E’ solida e ha grande talento nel reparto avanzato. Loro si aiutano molto l’uno con l’altro e sarà una squadra molto difficile da affrontare. Ho visto le gare dell’Inter quest’anno e dobbiamo stare molto attenti nelle uscite. L’Inter è duttile e camaleontica. Spesso cambia e si mette a specchio con le squadre che giocano a tre. Possono quindi cambiare o mantenere il proprio atteggiamento tattico. Vince spesso di misura, come contro il Genoa, ma dobbiamo stare comunque attenti al loro grande potenziale offensivo”.

Chiederà qualcosa sul mercato di gennaio?
“Io preferisco non parlare di mercato, ma delle tre partite che ci separano dalla sosta natalizia. Mi concentro solo sull’Inter, non guardando nemmeno la classifica, ma pensando solo a vincere. Non possiamo fare troppi calcoli. Vogliamo fare il massimo dei punti prima della fine del girone d’andata, per girare con più punti possibili. Carmona? Il discorso nemmeno mi sfiora. Ho massimo rispetto e fiducia dei giocatori che ho a disposizione”.

Domizzi torna in campionato dopo aver giocato con il Milan. Che garanzie ha dal giocatore?
“Domizzi dà tantissima affidabilità. Contro il Milan è stata una partita complessa fin dall’inizio, e poi era un’Udinese completamente diversa, ancora indietro nei lavori rispetto ad adesso. Tutti i giocatori del gruppo sono grandi professionisti; ripeto, non esistono seconde linee in questa Udinese”.

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 7140 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.