10 dicembre 2016

Regione Lazio – Poste, Minnucci (PD): “Pieno sostegno ai lavoratori di up-time”

Quella dei lavoratori di Up-Time Spa è purtroppo un’altra triste storia di totale noncuranza da parte del datore di lavoro riguardo il destino di lavoratori e famiglie a cui erano state fatte promesse e garantite continuità e sicurezza lavorativa. Una storia come molte altre nel nostro Paese e per questo ancora più grave, soprattutto quando il datore di lavoro in questione è Poste Italiane. Un soggetto  che si sta apprestando a lanciare un altro importante ciclo di assunzioni, senza però garantire il lavoro a coloro a cui lo aveva già promesso. Per questo motivo ho ritenuto importante confrontarmi con i lavoratori di Up-Time Spa che questa mattina hanno manifestato davanti Palazzo Montecitorio ed esprimergli la mia piena solidarietà.” – così il deputato Pd e membro della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni, Emiliano Minnucci.

La decisione di Poste Italiane di rimettere a gara a fine anno il servizio di Call Center, dopo 12 anni, comporterebbe infatti la perdita del lavoro per più di 100 lavoratori dell’Up-Time Spa che dal 2003 sono stati inseriti in un vorticoso giro di esternalizzazioni che li ha fatti passare dall’essere impiegati SDA – al 100% di proprietà di Poste Italiane – fino all’attuale Uptime Spa di cui Poste è proprietaria al 30%. Un passaggio avvenuto attraverso la garanzia della responsabilità sociale da parte di Poste. Una garanzia che non può essere ritirata ora senza alcuna motivazione.

Per questo motivo – ha concluso Minnucci – credo sia urgente che il Governo si faccia promotore al più presto di un’azione coordinata volta a trovare la soluzione migliore per garantire e tutelare la professionalità ed il lavoro dei dipendenti coinvolti.