9 dicembre 2016

Roma – Delitto di San Lorenzo, l’ANDDOS elogia i carabinieri di Roma

 

L’Associazione Nazionale ANDDOS, il più grande movimento italiano Lgbti con 153.000 iscritti, elogia l’eccezionale operazione di indagine compiuta dal Comando dei Carabinieri di Roma. La capitale, ma l’Italia tutta, stava vivendo momenti di grande paura, sapendo che in libertà c’erano ancora pericolosi criminali, capaci di compiere qualsiasi reato pur di fuggire alla cattura: il manager tedesco Oliver Degenhardt era stato, infatti, ucciso la notte tra il 6 e il 7 novembre nel suo appartamento in via dei Volsci, nel quartiere di San Lorenzo, dopo un incontro programmato dalla vittima in chat, forse per consumare un rapporto sessuale, forse per una semplice conoscenza, ignorando però le vere intenzioni di coloro che avevano accettato il suo invito. I carabinieri del Comando provinciale della capitale, dopo una complessa ma quanto mai perfetta azione investigativa, anche in sinergia con la polizia rumena, sono riusciti ad individuare i responsabili, tutti romeni, due dei quali fermati in Romania, uno Norvegia e un ultimo complice a Roma.

“Il nostro sincero ringraziamento ed il nostro plauso – dichiara il presidente nazionale Mario Marco Canale dell’Associazione ANDDOS – al generale Salvatore Luongo, al Colonnello Giuseppe Donnarumma del Reparto Operativo, al Comandante Lorenzo D’Aloia del Nucleo Investigativo e a tutto il Comando provinciale dei Carabinieri di Roma  per la brillante azione di investigazione portata avanti contro i responsabili di questo efferato omicidio. Sono stati assicurati alla giustizia tre pericolosissimi criminali che, senza scrupoli, erano capaci con bestiale ferocia di uccidere pur di rapinare il malcapitato di turno. E’ importante che le forze dell’ordine diano sempre un segnale di forza e presenza per tutelare e difendere la collettività, visto invece l’inefficienza di una classe politica, sul piano giuridico, incapace di arginare e contrastare con fermezza reati efferati e forme di violenza soprattutto di matrice omofoba”.

Il delitto di San Lorenzo ripropone ancora una volta il serio problema degli incontri clandestini dopo avventate conoscenze in chat che nascondono sempre grandi insidie per tutti.

“Rivolgiamo un appello – spiega il presidente Canale – a tutta la collettività lgbti per evitare situazioni pericolose che possano mettere a repentaglio la propria persona: tra gli obiettivi della nostra associazione, infatti, c’è quello di stimolare e supportare la creazione e lo sviluppo di ambienti e posti sicuri, capaci di aggregare persone, altrimenti spesso emarginate ed isolate socialmente, nei quali condividere esperienze, trovare accoglienza e protezione, manifestare senza alcun timore la propria dimensione sessuale ed affettiva. Proprio per evitare il rischio di poter subire aggressioni o, comunque, per evitare di mettersi in situazioni di pericolo ai danni della propria persona, l’associazione ANDDOS raccomanda a tutta la comunità Lgbt di frequentare ambienti assolutamente sicuri come i propri circoli privati (sono oltre 70 distribuiti in tutta Italia, ai quali sono iscritti oltre 150.000 soci) evitando così di portarsi a casa persone ambigue e potenzialmente pericolose o comunque conosciute senza filtro di protezione in chat”.

Marco Tosarello

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.