7 dicembre 2016

ILVA: ecco i clamorosi rischi per la popolazione di Taranto

La relazione Asl sullo stato delle polveri sottili a Taranto contiene dati allarmanti che il Codacons porterà mercoledì al processo Ilva, chiedendo un maxi-risarcimento in favore degli abitanti della città.
“Nella città di Taranto i principali problemi di salute connessi all’inquinamento atmosferico sono legati soprattutto ai livelli di PM10 e ai relativi inquinanti cancerogeni adsorbiti, come il benzo(a)pirene [B(a)p], che sono strettamente correlati alle attività produttive dello stabilimento ILVA – si legge nella relazione – Per decenni i cittadini di Taranto, e in particolar modo quelli residenti nelle zone limitrofe industriale, sono stati esposti a elevate concentrazioni di inquinanti ambientali, che non possono non aver avuto un ruolo in termini di salute pubblica, e i cui effetti potrebbero manifestarsi negli anni a venire. A supporto di questa considerazione la Regione Puglia, con Deliberazione della Giunta Regionale n. 1944 del 2 ottobre 2012, ha approvato il “Piano contenete le prime misure di intervento per il risanamento della qualità dell’aria nel quartiere Tamburi (TA) per gli inquinanti PM10 e B(a)p”.
“Dal mese di ottobre 2012, in effetti, anche in relazione al rallentamento della produzione DIPARTIMENTO di PREVENZIONE dell’ILVA, si è assistito a una drastica riduzione della concentrazione di polveri sottili e di B(a)p, persino nelle aree adiacenti allo stabilimento industriale – dice ancora la Asl – Lo evidenziano i dati esposti nell’ultima relazione sulla qualità dell’aria nell’area di Taranto dell’ARPA Puglia, nonché le rilevazioni presenti nel dossier pubblicato da Legambiente “Mal’Aria 2015”. Secondo queste fonti, infatti, nella città di Taranto (centraline di rilevamento di via Macchiavelli e via Archimede) il PM10 ha superato la media giornaliera di 50 μg/m3 solo 2 volte nel 2014 e in 6 occasioni nel 2015 (Grafici 1 e 2), mentre nel 2014 il valore annuale medio di PM2,5 si è attestato ampiamente al di sotto della soglia dei 25 μg/m3, in piena ottemperanza ai limiti di legge [6]. Infatti, il Dlgs 155/2010, che ha recepito la normativa europea di riferimento, prevede delle soglie di concentrazione in aria delle polveri sottili PM10 e PM2,5 calcolate su base temporale giornaliera ed annuale: il valore limite annuale per la protezione della salute umana di 40 μg/m3, quello giornaliero è di 50 μg/m3 da non superare più di 35 volte/anno. Un discorso analogo può essere fatto per sostanze cancerogene come il B(a)p, presente in valori sensibilmente inferiori alla soglia prevista dalla normativa vigente (media annuale <1 ng/m3) per tutto il triennio 2012-2014 (Grafico 3). sono, invece, riportati con certezza effetti sanitari legati ai livelli del PM10. La specificità dell’associazione è sostenuta dagli studi di mortalità che hanno evidenziato come i rischi relativi associati alle patologie respiratorie e cardiovascolari siano sempre maggiori del rischio relativo globale (mortalità overall)… Infine, è opportuno considerare che la popolazione della città di Taranto, e in particolare quella parte che risiede nei quartieri limitrofi alla zona industriale, a fronte della pregressa esposizione ad elevati livelli di inquinamento atmosferico, rappresenta un gruppo ad alto rischio per lo sviluppo di patologie correlate all’inalazione di polveri sottili, perciò necessita di maggior tutela rispetto alla popolazione generale”.
Sulla base di tali importanti considerazioni, mercoledì i legali del Codacons che difendono i cittadini di Taranto malati o a rischio di contrarre patologie gravi, chiederanno di poter ottenere il risarcimento dei danni dai responsabili che siedono sul banco degli imputati al processo Ilva.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.