4 dicembre 2016

Fiumicino – Emergenza sociale, Diritto alla Casa: “Fiumicino chiusa dietro cavilli legali”

È Natale e i servizi sociali vivono  questo momento concentrando tutte le forze nella raccolta del pacco natalizio promossa dallo stesso assessorato. Come se una spesa di beni di prima necessità possa alleviare il disagio vissuto 365 giorni, per carità utile, ma nulla a che vedere con soluzioni davvero dignitose come attuare un vero programma di politiche abitative sul territorio.

Questa sera ci sono state segnalate due persone che vivevano in una roulotte davanti il cimitero di Fiumicino in via Portuense. Quattro giorni fa le forze dell’ordine, di prima mattina si sono presentati da loro ed hanno sequestrato il mezzo lasciandoli in strada. La famiglia ha dormito per terra per due notti indossando tutti i vestiti che sono riusciti a prendere per coprirsi dal freddo.

L’ associazione territoriale l’Avar Ilfaro grazie ai volontari ha regalato una tenda  alla famiglia portando del cibo per loro e per i loro cani. Rimane il fatto che alla fine rimangono così soli nella notte a bordo del fiume a fare i conti con il freddo e l’indifferenza.

Il comune si attacca a cavilli legali,  in quanto la coppia non ha documenti di residenza e di fatto sono dei senza fissa dimora. La legge vieta di iscriversi all’anagrafe comunale se non si ha una casa e quindi legalmente non risultando nell’elenco dei cittadini di Fiumicino.

Dove finisce la legge, inizia l’umanità. E il comune ha deciso di fermarsi dove meglio stà.

Comitato Diritto alla Casa Fiumicino

About Emanuele Bompadre 8223 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.