10 dicembre 2016

Pomezia – Parere dell’Anac sull’appalto per l’affidamento del servizio triennale di manutenzione ordinaria

In merito al parere dell’Anac sull’appalto per l’affidamento del servizio triennale di manutenzione ordinaria delle aree a verde pubblico del Comune di Pomezia, ritenuto illegittimo “in quanto restrittiva della concorrenza la previsione del bando che vincola la dimostrazione dell’esperienza triennale alla condizione di aver svolto servizi identici e non analoghi rispetto a quelli oggetto dell’affidamento, senza che ciò sia necessario a realizzare un precipuo interesse dell’amministrazione”, il Sindaco di Pomezia Fabio Fucci chiarisce:

“L’impresa che ha sollevato la questione dinanzi all’Autorità non ha partecipato alla gara d’appalto in argomento, per cui non è titolata ad impugnare le clausole del bando in sede giurisdizionale amministrativa, e infatti non ha presentato ricorso al TAR, in quanto sarebbe stato respinto per tale ragione. Inoltre il bando, in corso di gara, non è stato neanche contestato da organismi rappresentativi delle associazioni di categoria degli imprenditori”.

“Tra le clausole del bando – prosegue – abbiamo previsto, come requisito di ammissione di carattere tecnico-professionale, che le imprese concorrenti abbiano svolto servizi identici a quelli oggetto di gara, consistenti nella manutenzione di aree di verde pubblico urbano per almeno un Comune di popolazione non inferiore a 64.000 abitanti, e cioè di consistenza demografica pari a quella del Comune di Pomezia. Questo perché le aree verdi urbane hanno caratteristiche peculiari che le differenziano con tutta evidenza da quelle, ad esempio, di parchi nazionali, regionali, etc., per cui l’Amministrazione desiderava individuare, attraverso la gara a procedura aperta, una impresa dotata della necessaria esperienza specifica nel settore della manutenzione del verde pubblico urbano. Il bando presenta quindi requisiti pertinenti e congruenti al servizio da appaltare, per un territorio complesso come quello del nostro Comune. Invieremo le nostre osservazioni all’Anac, certi che sarà possibile chiarire gli elementi contestati. Non riteniamo infatti che vi siano motivazioni realmente cogenti che impongano la revoca del bando, ipotesi nemmeno ipotizzata dall’Anac”.

“Diversamente dal passato – conclude il Primo Cittadino – vogliamo solamente il meglio per Pomezia e per questo motivo intendiamo affidare l’appalto esclusivamente a chi abbia dimostrato di aver svolto un servizio adeguato a quello di cui la nostra Città necessita”.