11 dicembre 2016

Sanità mentale, inizeranno il 5 dicembre le riprese de “La Valvola Mitrale” di Francesco Felli

 

Sabato 5 dicembre inizieranno a Roma le riprese de “La valvola mitrale”, cortometraggio scritto da Francesco Felli, regista che in passato si è confrontato con temi difficili nei suoi corti ottenendo diversi riconoscimenti; questa volta al centro di questo lavoro c’è il delicato argomento della sanità mentale.

Il corto sarà interpretato da Alessandro Haber e Giorgio Colangeli, liberamente tratto dalle reali vicende dell’artista Nicola Fanizzi.

La storia è collocata nei primi anni novanta, quando i manicomi, uno dopo l’altro, iniziarono a svuotarsi, ponendo i propri pazienti in una condizione di inattesa libertà.

“La valvola mitrale” è dunque il racconto delle difficoltà di Nino, geniale pittore ed ospite del Santa Maria della Pietà (manicomio di Roma) da oltre trent’anni, incapace di “entrare fuori” ed affrontare una società ostile ed imprevedibile e che porta dentro il peso di quegli anni passati in uno di quegli istituti che umiliavano la sofferenza delle persone invece di curarla, aggravando talvolta le loro condizioni mentali già precarie.

Dopo la fortunata collaborazione che portò alla realizzazione de “L’ultimo Giro di Valzer”, Artisse, società di arte contemporanea dell’avv. Ezio Nimis, in collaborazione con CRC – centro riabilitazioni creditizie, ha deciso di investire nuovamente sul cinema di Francesco Felli e sulla sua capacità di rendere l’arte un linguaggio universale, riconosciuto e riconoscibile anche da chi, altrimenti, sarebbe muto ed invisibile.

E’ il terzo lavoro del regista su temi difficili e socialmente rilevanti, dopo il già citato “L’ultimo giro di valzer” con Francesco Montanari e Serena Autieri, dedicato al dramma della SLA ed “Ogni giorno” con Carlo Delle Piane e Stefania Sandrelli, con cui affrontava l’alzheimer.

Data l’importanza del progetto, il Museo della Mente ha deciso di ospitare presso l’antica struttura manicomiale le riprese del cortometraggio.

Il lavoro sarà inoltre impreziosito dalle opere dei maestri Chionna e Serafini.