7 dicembre 2016

Lavoro, Airaudo, SEL: “Più che dell’orario di lavoro bisognerebbe fare a meno di Poletti”

Giorgio Airaudo, deputato di Sel ed ex sindacalista, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

“Il governo racconta bugie sui dati dell’occupazione –ha affermato Airaudo-. Renzi dice che con meno diritti si crea più lavoro. In realtà si crea più lavoro povero e più lavoro insicuro. Renzi tutela i poteri forti, tutela le banche ma non i lavoratori. Sta contribuendo alla svalutazione del lavoro. Sta dicendo agli italiani: vi rendiamo meno garantiti, per essere più appetibili alle imprese mordi e fuggi. E’ un governo forte con i deboli e debole con i forti. I dati di ieri dell’Istat ci dicono che stanno diminuendo gli italiani occupati. Dove si riduce la disoccupazione è perché uno passa dal cercare un posto di lavoro a smettere di cercarlo. C’è qualcuno che in Italia sta meglio, un 10/12% della popolazione italiana. Ma c’è un aumento della povertà relativa, cioè si lavora ma si è poveri”.

“Dichiarazioni Poletti su orario lavoro? Fanno parte del piano –ha detto Airaudo-. Dopo aver tolto i diritti, tolgono i contratti nazionali e non c’è più nessun riferimento orario. Così il lavoratore è da solo davanti al mercato, non può neanche trattare il avoro collettivamente con i minimi di un contratto nazionale. Poletti non decide nulla ed è un pessimo ministro a livello di comunicazione, bisognerebbe fare a meno di Poletti più che dell’orario di lavoro. Poletti è figlio di una cultura debole. Quando era segretario dei comunisti di Imola, pensava di rappresentare politicamente i lavoratori. Quando si è trovato a gestire un’impresa è passato dalla parte degli imprenditori. Il mondo delle cooperative sociali non è più un mondo di solidarietà, sono spesso grandi imprese che hanno vantaggi fiscali ma si comportano come cooperative private. Poletti si è adeguato, ieri alle cooperative oggi a Renzi”.

Fonte: Radio Cusano Campus