10 dicembre 2016

Ladispoli – Lettera aperta dei residenti del quartiere Campo Sportivo

 

Il Consiglio Comunale tutto, maggioranza e opposizione, opera incurante dei veri bisogni della cittadinanza. Dopo la consultazione cittadina sul progetto di “riqualificazione” del campo sportivo, rivelatasi una farsa, il Sindaco, attraverso dichiarazioni altisonanti rilasciate ad una radio locale, afferma che Ladispoli è una delle poche città che invita i propri cittadini ad esprimersi su progetti urbanistici.

Se così fosse, il coinvolgimento della cittadinanza TUTTA sarebbe dovuto avvenire prima dell’approvazione del progetto da parte della Giunta e del Consiglio Comunale. Se la consultazione dei cittadini fosse stata una cosa seria inoltre, tutte le varie fasi di approvazione del progetto sarebbero state precedute dall’approvazione delle norme referendarie previste dallo Statuto comunale, dando alla votazione dei cittadini un valore giuridico. La consultazione cittadina sbandierata come grande prova di democrazia (a giochi fatti) è stata una sorta di assemblea cittadina che ha espresso parere negativo al progetto dei privati sponsorizzato dal Comune. E in una consultazione di questo tipo non ha alcun senso parlare di quorum. Tra l’altro, prima dello spoglio, gran parte dei consiglieri comunali e degli assessori, sicuri della vittoria del SI’, asserivano che, anche se non si fosse raggiunto il fantomatico quorum, il giudizio dei cittadini votanti avrebbe avuto comunque un’importanza politica e l’Amministrazione ne avrebbe tenuto conto.

Dopo la vittoria del NO, come si dice in gergo popolare, la frittata è stata rivoltata. Il Sindaco si è affrettato a commentare che il quorum non era stato raggiunto, interpretando il non voto dei cittadini come un mancato dissenso al progetto Piazza Grande, come a dire che “chi tace acconsente”. In realtà, quelli che non hanno votato sono in buona parte cittadini delusi dalla politica che preferiscono non recarsi al voto, come nelle elezioni politiche dove ormai si reca alle urne solo la metà degli aventi diritto. Proprio per questo, un buon amministratore dovrebbe tener conto di coloro che ancora credono nella democrazia diretta e che considerano il voto come un dovere per la salvaguardia del bene comune. La realtà è che i nostri amministratori avevano già deciso dall’inizio che il progetto sarebbe andato avanti, sicuri che il SI’ avrebbe prevalso. Nel tentativo di convincere le persone della bontà dell’opera ci avevano raccontato la favola che il Comune non avrebbe i soldi per espropriare un terreno del valore di 4-5 milioni di euro; terreno il cui valore è in realtà al di poco superiore di quello agricolo. Quel valore così maggiorato sarà invece frutto del cambiamento di destinazione d’uso da verde ad edificabile di un’area donata dalla contessa Martini Marescotti alla società sportiva.

Ci chiediamo perché quanto promesso anni fa sia dall’ex sindaco Gino Ciogli che dall’attuale sindaco Crescenzo Paliotta, ossia la restituzione di quell’area ai cittadini, non sia stato rispettato. Probabilmente questo voltafaccia è il risultato di promesse elettorali, ma per realizzare le proprie “ambizioni di potere” (tanto per essere buoni) non si può mettere a repentaglio la vivibilità di una città che è già in enorme sofferenza. Come non parlare, poi, dell’incomprensibile comportamento del Parroco, che dovrebbe essere al di sopra delle parti o, al limite, schierarsi dalla parte dei più deboli, ossia i cittadini oppressi dalla cementificazione selvaggia che nel corso dei decenni ha caratterizzato questa città. A tal proposito, vale forse la pena ricordare l’esperienza del Comitato di quartiere Campo Sportivo, presieduto da Aldo Piersanti. L’intento del Comitato, nato negli anni ’90, era soprattutto quello di creare una coscienza civica in una città con poco più di 100 anni di storia, abitata da gente proveniente da ogni parte d’Italia e anche del mondo.

Il Comitato fu per anni impegnato nella riqualificazione di un quartiere alquanto degradato, attraverso assemblee pubbliche che richiamavano centinaia di abitanti della zona, mediante l’organizzazione di feste popolari il cui ricavato veniva impiegato nella sistemazione degli spazi pubblici. I cittadini avevano compreso che migliorare le condizioni del quartiere dipendeva anche dal proprio coinvolgimento in prima persona. Risultati tangibili dell’impegno diretto dei cittadini furono la piantumazione degli alberi in tutte le vie del quartiere, la sistemazione di uno spazio verde abbandonato intitolato a Rosario Livatino, l’esproprio e la sistemazione a verde pubblico di un’area bianca nei pressi del sottopasso ferroviario; tutt’ora, a distanza di 20 anni, unica area bianca espropriata a Ladispoli. Quando alcuni costruttori tentarono di mettere le mani sull’appetibile area dove attualmente risiede la chiesa del Sacro Cuore, alcuni componenti del Comitato organizzarono un presidio di concerto con il vescovo dell’epoca, mons. Diego Bona. Per 4 domeniche consecutive il vescovo celebrò la messa su quel prato, di fronte ad una rudimentale croce di legno, suscitando l’attenzione della gente e costringendo gli speculatori a desistere dai propri intenti.

Il comportamento di quell’alto prelato dovrebbe essere d’esempio al nostro attuale Parroco e agli amministratori comunali, il cui compito primario è quello di operare per il bene della comunità. L’attuale Sindaco, impegnato politicamente da quando era ragazzo è cresciuto in una compagine politica i cui componenti si definivano “compagni”, termine adottato in origine dalle prime comunità cristiane e poi fatto proprio dal marxismo; termine che significa “cum panis”, con il pane, condividere il pane. Prendiamo atto definitivamente, dopo questa vicenda, che i compagni del sindaco, quelli con cui ha scelto di condividere il pane, sono gli speculatori edilizi e non i cittadini che rappresenta.

Se il sindaco Paliotta volesse recuperare un minimo di credibilità dovrebbe in primo luogo tenere in debita considerazione il parere dei cittadini che, mossi dal proprio senso civico, e al di là delle indicazioni dei politici e del parroco, hanno fatto prevalere il NO a questo progetto di cementificazione. In secondo luogo il Sindaco e la sua Amministrazione dovrebbero mettere finalmente in atto l’istituto del referendum, vero strumento della democrazia diretta.

Un gruppo di residenti del quartiere Campo Sportivo

About Ruggero Terlizzi 2881 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it