7 dicembre 2016

Usa, il Congresso boccia la proposta di Obama sul taglio della CO2: “La gente ha altro a cui pensare”

“La mia unica preoccupazione ora e’ far si’ che gli impegni presi a Parigi vengano rispettati” ha detto Obama in risposta alla bocciatura da parte del Congresso americano del regolamento presentato a inizio anno, che permetterebbe di accogliere l’istanza di Parigi. Il Senato, oltre a respingere la proposta di tagliare del 32% le emissioni di CO2 da parte delle industrie nazionali, ha diffuso ieri un ‘white paper’, un libro bianco di 40 pagine con cui ha affermato che “gli Stati Uniti non prenderanno parte a nessun accordo che imponga obiettivi o scadenze per la riduzione (di gas serra, ndr)”, aggiungendo che i soldi dei contribuenti non saranno sprecati nei “fondi neri di burocrati internazionali senza che il Congresso lo approvi”, riferendosi alla promessa di Obama di elargire 3 miliardi al Green climate found, il fondo con cui l’Onu sosterra’ i paesi emergenti a implementare misure ecosostenibili.

E non solo: “il presidente Obama– si legge ancora nel testo- ha preferito andare da solo a ‘decarbonizzare’ l’economia americana attraverso un’azione unilaterale che non reggera’ alla prova dei tempi“: l’accusa principale lanciata da questi senatori all’indirizzo del Presidente e’ quella di aver anteposto la volonta’ di “migliorare la propria reputazione tra gli attivisti ambientali” ai reali problemi degli americani.

Come spiega il senatore repubblicano John Barrasso, del Wyoming: “Mentre Obama era a Parigi a parlare di ambiente, per gli americani quella era una questione di priorita’ molto scarsa- come ha riportato il quotidiano New York Times-: la gente oggi ha altro a cui pensare: lavoro, economia e terrorismo“. Lui come altri, e’ certo che l’accordo sul clima che uscira’ dal summit di Parigi non sara’ peraltro risolutivo a “prevenire il riscaldamento ambientale“, ma sara’ solo una ‘stangata’ all’economia americana.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.