8 dicembre 2016

Potenziali rischi alla sicurezza di alcuni giocattoli, parla David Emm di Kaspersky Lab

 

Ancora una volta, la bambola Hello Barbie di Mattel fa notizia

Hello Barbie è una bambola interattiva. E’ dotata di computer chip, microfono, altoparlante ed è abilitata per il collegamento Wi-Fi. Quando un bambino preme da cintura di Barbie, la bambola fa una domanda e registra la risposta del bambino. Il messaggio viene crittografato e inviato via Internet per essere elaborato dal software di riconoscimento vocale di un partner tecnologico di Mattel, ToyTalk. Il software, quindi invia un comando a Barbie per riprodurre una risposta memorizzata nella bambola, appropriata in base all’argomento di cui vuole parlare il bambino.

Le preoccupazioni sulla bambola riguardano principalmente la privacy – il fatto che i segreti affidati alla bambola da un bambino siano condivisi con Mattel e i suoi partner. C’è anche il rischio potenziale che tali dati possano cadere nelle mani di hacker, se la sicurezza di Mattel o dei suoi partner venisse violata. Questo problema è stato messo in evidenza alcuni giorni fa, quando il produttore di giocattoli per bambini VTech ha rivelato che la compromissione dei suoi sistemi ha portato al furto di nomi, indirizzi fisici, indirizzi e-mail, domande e risposte di sicurezza e altri dati di milioni di famiglie in tutto il mondo.

Recentemente, il ricercatore di sicurezza Matt Jakubowski è stato in grado di estrarre il nome della rete Wi-Fi, l’indirizzo MAC interna, l’ID account e i file MP3 da una bambola Hello Barbie. Questo è sufficiente per ottenere l’accesso all’account di Hello Barbie e di una rete domestica – compromettendo anche la sicurezza di ogni famiglia di un bambino che possiede la bambola.

Viviamo in un mondo connesso, dove anche i giocattoli dei nostri bambini potrebbero diventare il mezzo con cui degli aggressori potrebbero catturare dei dati personali. E ‘molto importante che quando i genitori prendono in considerazione tali giocattoli per esempio per Natale, guardino oltre l’aspetto divertente di un giocattolo e considerino anche l’impatto che potrebbe avere sui loro bambini e sulla famiglia.