8 dicembre 2016

Pagamenti elettronici sotto i 30 euro, Boccadutri: “Incentivare moneta elettronica per combattere evasione”

L’On. Sergio Boccadutri, responsabile area innovazione del Pd, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Boccadutri ha presentato un emendamento alla legge di stabilità in commissione Bilancio alla Camera. L’emendamento prevede la cancellazione del tetto dei 30 euro sotto il quale si possono rifiutare i pagamenti digitali. “Questa è la conseguenza di una mozione approvata pochi mesi fa dal Parlamento, a fronte dell’innalzamento della soglia del contante, per agevolare l’uso della moneta elettronica –ha affermato Boccadutri-. L’adeguamento a mille euro della soglia del contante voluta dal governo Monti non ha ridotto la massa del contante circolante, anzi c’è stato un aumento. In un Paese in cui l’80% dei cittadini sceglie di pagare in contanti, per ridurre la circolazione del contante bisogna lavorare sull’incentivazione dell’utilizzo della moneta elettronica. Noi vogliamo far capire la convenienza effettiva dell’utilizzo della moneta elettronica, dato che il contante costa. Bisogna lavorare sulla cultura, partendo dalle piccole cose, cioè permettendo ai cittadini di pagare anche il caffè con la carta di credito. L’evasione fiscale non è collegata al limite del contante, è legata all’elemento della circolazione del contante. Se i consumatori si spostano sui pagamenti digitali, diminuisce la circolazione del contante e l’evasione fiscale che sta in profondità emerge meglio. Ho sensazioni molto buone che l’emendamento vada avanti, il gruppo è compatto. Credo che il governo raccoglierà l’emendamento perché è nel solco di quello che ha sempre detto Renzi”.

Fonte: Radio Cusano Campus