2 dicembre 2016

Il modello di punta della serie 911: più potenza, design perfezionato e migliore equipaggiamento

911 Turbo S

 

A inizio 2016, Porsche presenterà al North American International Auto Show di Detroit il vertice della sua gamma 911, la 911 Turbo e 911 Turbo S, caratterizzati da una potenza più elevata di 15 kW (20 CV), un design rifinito e un equipaggiamento specifico. I modelli saranno da subito disponibili sia in versione Coupé sia Cabriolet. Il motore biturbo a sei cilindri con cilindrata di 3,8 litri nella 911 Turbo eroga, ora, 397 kW (540 CV). L’aumento della potenza è stato possibile grazie a condotti di aspirazione modificati nella testata dei cilindri, nuovi iniettori e una maggiore pressione del carburante. Grazie ai nuovi turbocompressori con compressore maggiorato, la 911 Turbo S sviluppa, ora, 427 kW (580 CV). Porsche è anche l’unico costruttore automobilistico a impiegare turbocompressori con turbina a geometria variabile in combinazione con motori a benzina.

Inoltre, gli ultimi motori dispongono della cosiddetta funzione Dynamic Boost, per migliorare ulteriormente la loro risposta. La pressione di alimentazione resta costante nelle variazioni di carico, ovvero ogni volta che si rilascia brevemente il pedale dell’acceleratore, interrompendo solo l’iniezione di carburante e lasciando aperta la valvola a farfalla. In questo modo il motore risponde praticamente subito al nuovo impulso di accelerazione. Nella modalità Sport e Sport Plus questa funzione è molto più efficace rispetto alla modalità Normale.

In sostanza, queste nuove vetture sportive ad elevate prestazioni ottengono performance di guida mozzafiato a fronte di consumi di carburante ulteriormente ridotti: la 911 Turbo S Coupé accelera da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi. La velocità massima di 330 km/h supera di 12 km/h quella raggiunta finora. La 911 Turbo raggiunge i 100 km/h in 3,0 secondi, la velocità massima è di 320 km/h, ovvero 5 km/h in più rispetto al modello precedente. I consumi si assestano a 9,1 l/100 km nei modelli Coupé e a 9,3 l/100 km nei modelli Cabriolet, pari ad una riduzione di 0,6 litri ogni 100 km per tutte le versioni. Un dato ottenuto grazie alla gestione elettronica del motore e del cambio ulteriormente sviluppata con diagramma caratteristico del cambio rielaborato.

Di serie: pacchetto Sport Chrono con interruttore Mode e pulsante Sport Response

Il nuovo volante sportivo GT con diametro di 360 mm, il cui design deriva dalla 918 Spyder, dispone di serie del cosiddetto interruttore Mode, un anello a rotazione graduale che permette di selezionare i quattro programmi Normale, Sport, Sport Plus e Individual. La modalità Individual consente di configurare e memorizzare l’impostazione della vettura scelta dal guidatore. Un’altra novità del pacchetto Sport Chrono è il pulsante Sport Response collocato al centro dell’interruttore Mode. Ispirato al mondo delle competizioni automobilistiche, il pulsante consente di predisporre motore e cambio ad una risposta ottimale per raggiungere la massima accelerazione della vettura per ben 20 secondi, ad esempio per effettuare un sorpasso. Un indicatore a timer nella strumentazione, visualizza lo scorrere del tempo. La funzione Sport Response può essere richiamata in qualsiasi momento e da qualsiasi programma di guida.

Il Porsche Stability Management (PSM) dei modelli 911 Turbo dispone ora di una nuova modalità PSM Sport: con una leggera pressione del tasto PSM posto sul tunnel centrale, il sistema passa ad una modalità molto sportiva, indipendentemente dal programma di guida selezionato. La modalità PSM Sport, attivabile separatamente, dispone di una funzione di spostamento della soglia d’intervento del PSM che rispetto a quella del modello precedente in modalità Sport Plus, consente quindi, soprattutto in pista, di avvicinarsi ulteriormente al limite della guida dinamica. L’accensione della spia luminosa del PSM e un avviso nella strumentazione segnalano che la stabilizzazione della marcia tramite il PSM è ridotta. Tut-tavia, il PSM rimane costantemente attivo anche in modalità PSM Sport. Come sempre, comunque, premendo a lungo il tasto PSM, il sistema può essere completamente disattivato.

911 Turbo S completa di funzionalità per la dinamica di guida

Il telaio dei nuovi modelli 911 Turbo con PASM, di serie, offre ora un rapporto ancora più ampio fra performance e comfort. Inoltre, la 911 Turbo S dispone di un equipaggiamento completo funzionale alla di-namica di guida: il sistema di stabilizzazione del rollio PDCC e l’impianto frenante in ceramica PCCB sono di serie. Tutti i modelli 911 Turbo offrono nuove opzioni, fra cui l’assistente per i cambi di corsia basato su radar e un sistema di sollevamento dell’asse anteriore, grazie al quale alle basse velocità è possibile aumentare la distanza da terra di 40 mm sotto lo spoilerino frontale.

Design perfezionato con nuove caratteristiche

La nuova generazione 911 Turbo riprende, naturalmente, alcune caratteristiche sostanziali dell’incisivo design degli attuali modelli Carrera, completandole con le specificità tipiche della 911 Turbo. Il frontale di nuova configurazione, con prese d’aria laterali con linee nette e doppie lamelle e le sottili luci frontali a LED, in combinazione con le lamelle supplementari nella presa d’aria centrale, appare ancora più ampio. Lateralmente, la sportiva ad elevate prestazioni mostra i nuovi possenti cerchi da 20 pollici. Nella 911 Turbo S, sette doppie razze anziché dieci decorano i cerchi con serraggio centrale. Nuove anche le dimensioni dei nuovi cerchi della 911 Turbo: con 9 J x 20 anteriormente e 11,5 J x 20 posteriormente sono più ampi di mezzo pollice e corrispondono alle dimensioni dei cerchi della 911 Turbo S. Le nuove maniglie delle porte sono ora prive di guscio come nei modelli Carrera. Anche la parte posteriore è stata ampiamente modificata. Colpiscono al primo sguardo le luci posteriori tridimensionali, già impiegate nella serie 911 Carrera, con luce stop a quattro punti e aura luminosa. Sia gli scarichi dell’aria degli intercooler nella parte posteriore sia i doppi terminali mostrano un design modificato. Anche la griglia sul cofano posteriore è stata ridisegnata ed è ora realizzata in tre parti: a destra e a sinistra mostra lamelle disposte longitudinalmente, al centro presenta una copertura separata per l’aspirazione ottimizzata dell’aria del motore.

Nuovo Porsche Communication Management con navigazione online
Con il cambio di generazione, il nuovo sistema Infotainment PCM con navigazione online, di serie, s’inserisce anche nel cruscotto dei modelli 911 Turbo. È riconoscibile dallo schermo multitouch perfettamente integrato nel tunnel centrale, dotato di pregiata superficie in vetro, grazie al modulo Connect Plus di serie, offre molte nuove funzioni di connettività ampliate. La navigazione utilizza inoltre le informazioni sul traffico in tempo reale. Percorsi e località possono essere visualizzati con l’ausilio di immagini satellitari e a 360 gradi. Il sistema ora elabora anche input manoscritti ed è possibile integrare in maniera più rapida, semplice e completa anche telefoni cellulari e smartphone tramite WLAN, Bluetooth o via cavo. Inoltre si possono gestire in remoto determinate funzioni della vettura. Il Bose Sound-System è presente di serie, come nei modelli precedenti, mentre su richiesta è disponibile un impianto Burmester.

About Emanuele Bompadre 8218 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.