4 dicembre 2016

Di Maio: “In un solo anno 200 mila cittadini italiani si sono rassegnati, non cercano più lavoro”

La dittatura dell’ottimismo di questo Governo sta producendo l’effetto opposto: in un solo anno 200 mila cittadini italiani si sono rassegnati, non cercano più lavoro. Il numero degli annunci e dei falsi risultati in salsa renziana sta producendo nella popolazione ulteriore avvilimento. E come sempre oltre al danno abbiamo anche la beffa: più aumentano i “rassegnati” – i cosiddetti inattivi – più diminuisce il tasso di disoccupazione e quindi il …Governo si esalta, dicendoci che ha aumentato l’occupazione. “Ma de che?” Questi numeri sono il fallimento delle politiche del Pd: 80 euro, Job Act, Legge sulla Pubblica Amministrazione, Decreti salva banche, provvedimenti svuota-carceri. Tutte leggi da e per i furbetti che danneggiano gli onesti.
Prima ci convinciamo che l’unico modo per far accelerare l’economia e quindi i posti di lavoro sia il Reddito di Cittadinanza, prima salviamo questo Paese.

Sul versante Europeo non va meglio, il Quantitative Easing ha fallito miseramente. La Bce di Mario Draghi ha stampato per mesi centinaia e centinaia di miliardi di euro per darli alle banche. L’obiettivo era aumentare l’inflazione per scongiurare la deflazione.
È un obiettivo giusto, ma “Mario” lo sta facendo nel modo sbagliato, perché gli istituti finanziari prendono i soldi dalla Banca Centrale Europea e li usano per giocare in borsa, senza invece investirli nel circuito reale, ad esempio facendo credito alle imprese. Infatti nonostante 60 miliardi al mese, siamo ancora al limite della deflazione.
Tutti questi miliardi andrebbero messi direttamente in tasca al cittadino europeo, per produrre un effetto shock sull’economia. È lo stesso effetto che produrrebbe il reddito di cittadinanza ma questa non sarebbe una manovra strutturale, lo statuto della Bce lo permette. Si chiama “Quantitative Easing for People” ed è una campagna lanciata in Europa qualche giorno fa: www.qe4people.eu

L’economia migliora se rendiamo protagonista delle politiche economiche il singolo cittadino e non gli intermediari bancari. Se fai stare meglio le persone, sta meglio anche l’economia intorno a loro. L’idea inversa sta fallendo miseramente

Così sulla sua pagina Facebook

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.