3 dicembre 2016

Indagine Kaspersky Lab: il 73% degli europei preferirebbe uscire di casa senza mutande che rivelare le proprie password

 

Kaspersky Lab ha condotto una ricerca, in chiave ironica, a livello europeo in collaborazione con IFOP (Institut Français D’opinion Publique) per indagare sulle abitudini degli utenti Internet per quel che riguarda la scelta e la frequenza con cui sostituiscono le password e paragonarle alle consuetudini di utilizzo degli slip. L’indagine intitolata “Passwords are like underwear”, ha utilizzato volutamente un approccio ironico con lo scopo di sensibilizzare gli utenti sulle regole base di “igiene personale” volte a proteggere la vita digitale.

Secondo la ricerca di Kaspersky Lab, gli utenti Internet sono meno portati a nascondere le proprie password rispetto alle proprie mutande, nonostante le password siano essenziali per mantenere al sicuro i propri dati online.

Risultati principali:

  • In media, il 26% degli intervistati ha ammesso di aver condiviso le proprie mutande con familiari o amici e di essere disposto a rifarlo. Tuttavia, il 44% di questi ha ammesso di aver già confidato a qualcuno le proprie password.
  • Il 71% degli intervistati ha dichiarato che se avesse dovuto scegliere tra condividere con un conoscente le proprie password o le proprie mutande avrebbe sicuramente scelto le password.
  • Mentre l’87% degli intervistati cambia le mutande tutti i giorni, quasi il 50% degli europei cambia le proprie password meno di due volte l’anno e in alcuni casi non lo fa mai.
  • Il 73% degli intervistati ha più paura di scoprire che qualcuno ha avuto accesso alle proprie informazioni personali online e ai dettagli degli account non protetti da password che uscire di casa senza mutande.
  • Il 22% degli europei crede di avere più password che mutande.

“Tendiamo a pensare che le password non ci proteggano veramente e che esse siano solo fastidiosi requisiti ideati dagli esperti IT per farci credere che le nostre credenziali siano al sicuro. La verità è che i criminali informatici sono pronti a dedicare molto tempo e denaro per cercare di rubare le password che proteggono alcune delle nostre informazioni più riservate.

Lo studio che abbiamo condotto in collaborazione con IFOP è interessante perché illustra chiaramente gli atteggiamenti complessi e contraddittori che le persone hanno verso le password. Alcune informazioni possono essere estremamente private o confidenziali, mentre altre potrebbero non essere di alcun interesse per le altre persone. Il loro valore dipende dal modo in cui possono essere utilizzate. Preferiamo correre il rischio di esporre le nostre vite private piuttosto che attenerci alle linee guida per proteggerci. Ma in molti casi per rimanere al sicuro basta seguire poche e semplici regole di base. Ad esempio, le password non sono fatte per essere condivise, non dovrebbero essere esposte alla vista altrui e dovrebbero essere cambiate regolarmente, proprio come le mutande”, ha commentato Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia.

Regola n°1: le password dovrebbero essere cambiate spesso…ma non così spesso come le mutande

Quando è stato chiesto agli intervistati quanto spesso cambiassero le proprie password, si sono registrate significative differenze tra gli utenti dei diversi Paesi d’Europa. I francesi sono ultimi in classifica, con il 58% degli intervistati che afferma di cambiare le password meno di due volte l’anno e in alcuni casi mai. Gli spagnoli (46%) e i danesi (45%) faticano a fare di meglio. I tedeschi si attestano invece in prima posizione con il 36% che afferma di cambiare regolarmente le proprie password. Fortunatamente, quando si tratta della biancheria intima le cifre si invertono: l’87% dei rispondenti dice infatti di cambiarla tutti i giorni. Tuttavia, alcune nazionalità sono meno schizzinose di altre, in particolare l’11% di danesi non si preoccupa di indossare slip puliti tutte le mattine!

Sarebbe importante tenere a mente che, sebbene cambiare così spesso le password potrebbe avere alcuni lati negativi, gli esperti di sicurezza dei dati raccomandano di cambiare le password di tutti gli account quando c’è anche solo una minima possibilità che la propria privacy possa essere stata compromessa. Questa regola va applicata nel caso la tendenza sia quella di condividere le password con altre persone ed è un must assoluto nel caso in cui siano state condivise con qualcuno con cui non si è rimasti proprio in buoni rapporti!

Regola n°2: sentitevi liberi di scambiare le mutande…ma le password non sono fatte per essere condivise!

Mantenere segrete le password potrebbe sembrare ovvio, ma quando è stato chiesto se ciò fosse più importante di tenere per sé le mutande, le persone non si sono dimostrate molto schizzinose! L’inchiesta di Kaspersky Lab ha svelato che il 44% degli utenti Internet ha già condiviso la propria password con qualcun altro. Tuttavia, sembra che siano un po’ meno generosi quando si tratta di fare lo stesso con la biancheria intima: il 74% di loro ha dichiarato, infatti, che non le condividerebbe mai!

Gli olandesi sembrano essere i più pignoli sulle password, ma nonostante ciò il 38% di loro ha ammesso di aver consiviso le proprie password con un conoscente. Percentuali più alte sono state rilevate nel caso di italiani (46%), danesi (47%) e francesi (51%).

Regola n°3: al contrario delle mutande, le password non devono essere mostrate (neppure in privato!)

L’incubo comune di trovarsi nudi in pubblico verrà mai superato dalla paura di vedere i propri dati personali diffusi su Internet? Probabilmente no. Quando è stato chiesto quale di queste due situazioni li spaventi di più, la maggior parte degli intervistati (73%) ha indicato che essere visto nudo in pubblico rimane comunque il loro peggior incubo. Per gli italiani la media di coloro che dicono di temere maggiormente di esibire le proprie parti intime scende al 65% degli intervistati, mentre il 35% ha detto di temere maggiormente di lasciare esposte le proprie informazioni private online.

 “Da piccoli tutti abbiamo avuto almeno una volta l’incubo di trovarci nudi nel cortile della scuola. Da adulti, invece, grazie alla digitalizzazione sembra che a questa paura si aggiunga anche quella dell’esposizione delle proprie informazioni personali, il vero specchio della nostra intimità. Perdere le password, infatti, porta a una serie di paure, partendo dal rischio di vedere i propri dati personali esposti agli sconosciuti. Tenuto conto che i dispositivi elettronici giocano un ruolo sempre più importante nelle nostre vite è di fondamentale importanza seguire uno stile di vita “sano” e impeccabile quando si tratta di sicurezza per evitare che i nostri dati vengano diffusi su Internet o usati per scopi nocivi. Per una vita connessa ma sicura è importante cambiare spesso le password, non condividerle con nessuno e scegliere per ciascun servizio o terminale utilizzato una password che abbia una struttura diversa”, ha commentato Laurence Allard, docente presso l’Université Sorbonne Nouvelle, IRCAV-Paris 3 e sociologa dell’innovazione.

Kaspersky Password Manager: una soluzione globale

Per affrontare la fastidiosa questione di dover creare e ricordare password complesse e per aiutare le aziende ad incrementare significativamente la sicurezza dei propri dati, Kaspersky Lab ha sviluppato Kaspersky Password Manager. Disponibile per PC, Mac e smartphone e tablet Android e iOS, la soluzione Kaspersky Password Manager conserva le password di tutti gli account in un file criptato. Tutte le password vengono quindi sincronizzate automaticamente tra i dispositivi dell’utente, permettendo di accedere in modo rapido e semplice alle password di siti e app preferite. Tra le funzionalità di Kaspersky Password Manager vi è un generatore di password che crea automaticamente password uniche ed efficaci sul PC dell’utente (una necessità crescente per molti servizi online). Queste password possono essere utilizzate su tutti i dispositivi sincronizzati.

Metodologia di ricerca

L’indagine è stata condotta in collaborazione tra IFOP e Kaspersky Lab su un campione di 1.000 utenti Internet in 7 Paesi (Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Italia, Paesi Bassi e Danimarca), la ricerca ha utilizzato un metodo di campionamento per quote (genere, età, professione/reddito per la Danimarca) usando un campionamento stratificato per regione. L’inchiesta è stata condotta usando interviste compilate via computer, tra il 16 ed il 22 settembre 2015.