L’Agenzia europea per l’ambiente lancia l’allarme: “In Italia 84.400 morti per lo smog”

L’inquinamento atmosferico e’ il principale fattore di rischio ambientale per la salute in Europa: riduce la durata di vita delle persone e contribuisce alla diffusione di gravi patologie quali malattie cardiache, problemi respiratori e cancro. Secondo una nuova relazione pubblicata oggi dall’Agenzia europea dell’ambiente (Aea), l’inquinamento atmosferico “continua ad essere responsabile di oltre 430mila morti premature in Europa” nel 2012. In Italia si parla di 84.400 morti causate in un anno, sempre con dati 2012, dall’inquinamento atmosferico.

Gli inquinanti piu’ problematici per la salute umana sono il particolato (Pm), l’ozono troposferico (O3) e il biossido di azoto (NO2). Le stime dell’impatto sulla salute associato all’esposizione di lungo termine al Pm2,5 (polveri ultrasottili, Pm10 sono le polveri sottili, ndr) mostrano che questo inquinante “e’ responsabile di 432mila morti premature in Europa nel 2012, un livello analogo alle stime degli anni precedenti”, spiega l’Aea, “gli impatti stimati dell’esposizione a NO2 e O3 erano rispettivamente di circa 75mila e 17mila decessi prematuri”.

La relazione fornisce stime relative alle morti premature anche a livello nazionale. Per l’Italia si parla di 59.500 morti premature attribuibili all’esposizione a particolato sottile (Pm2,5); 3.300 all’ozono (O3); 21.600 al biossido di azoto (NO2). Il totale delle morti anticipate causate dai tre inquinanti in Italia e’ quindi di 84.400.

Fonte: agenzia dire

loading...
Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8308 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.