7 dicembre 2016

Calcio – Serie A, poker del Milan alla Sampdoria

Il Milan torna alla vittoria dopo due turni superando la Sampdoria di Montella e scavalca in classifica, in attesa delle loro gare, il Sassuolo e la Juventus. Il largo successo dei rossoneri rispecchia l’andamento della partita, con gli uomini di Mihajlovic che sono apparsi più determinati nella ricerca del successo.

La formazione capitanata da Montolivo parte subito all’attacco, anche se dopo pochi secondi un’ingenuità di Donnarumma, che stoppa male un retropassaggio, regala agli ospiti la prima palla gol della partita. Passato lo spavento il Milan, che si vede anche annullare per fuorigioco un gol di Cerci al 10′, va in vantaggio al quarto d’ora, grazie ad una bella penetrazione di Niang, bravo a trovare sul secondo palo il compagno Bonaventura pronto alla deviazione sottoporta. Non passa neanche un minuto e ancora Niang, dal limite, sfiora il palo più lontano con un violento diagonale. La Sampdoria patisce la verve degli attaccanti del Milan e dopo la mezz’ora arriva il raddoppio siglato da Niang su rigore, concesso per atterramento di Bonaventura ad opera di De Silvestri.

Ad inizio secondo tempo Viviano nega allo scatenato Niang un gol di tacco che avrebbe esaltato i tifosi rossoneri, ma dopo un minuto lo stesso Viviano sbaglia un appoggio servendo proprio Niang che non si lascia sfuggire l’occasione per segnare il 3-0. E’ il gol che, virtualmente, chiude il match già al 49′. Nei minuti restanti il Milan non spinge più sull’acceleratore e Mihajlovic concede a Niang la standing ovation a un quarto d’ora dal termine. Montella fa entrare i giovani dalla panchina (Pereira e Bonazzoli) per valutare tutto il materiale a sua disposizione per il futuro, ma è ancora il Milan a trovare la rete con Luiz Adriano che stoppa di petto un cross di Cerci e segna il poker in sforbiciata. Nel finale Viviano nega il gol a Bacca che gli si presenta da solo a pochi passi e la Sampdoria rende meno pesante il passivo con il rigore procurato e trasformato da Eder a 3′ dal termine.

In classifica il Milan sale provvisoriamente al quinto posto con 23 punti, la Sampdoria resta ferma a 16, laddove l’aveva lasciata Walter Zenga perdendo a Marassi con la Fiorentina prima della sosta.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.