11 dicembre 2016

Tutte le dichiarazioni di ieri di mister Mihajlovic, Riccardo Montolivo ed Ignazio Abate

Alla vigilia di Milan-Sampdoria tutte le parole in conferenza stampa al Centro Sportivo di Milanello da parte di mister Mihajlovic, capitan Riccardo Montolivo ed Ignazio Abate:

MISTER MIHAJLOVIC
“Dopo la partita con il Napoli abbiamo cambiato alcune cose e da lì in poi abbiamo avuto 2 punti di media a partita e sono convinto che riusciremo a mantenere questa media nelle prossime 6 partite. Abbiamo tutte le qualità per riuscirci e di mantenere fino alla fine del girone di andata questa media. Gli scontri diretti li abbiamo giocati fuori casa, tranne il Napoli, quindi penso anche che nel girone di ritorno potremo fare meglio. La Samp è una squadra ostica, da metà campo in su ha giocatori che possono risolvere le partite in ogni momento, è una squadra che ci metterà in difficoltà. È presto per dire se la Samp di Montella sia diversa da quella di Zenga, è chiaro che ogni allenatore ha le sue idee. Per me la Sampdoria è stata una società importante, sia da calciatore che da allenatore, quindi auguro il meglio sia a Montella che al Presidente Ferrero. Sarà una partita difficile ma sono convinto che la vinceremo. Il 4-4-2 si può vedere domani, sicuramente Bertolacci è stato un investimento importante e per diversi infortuni non l’abbiamo avuto per diverse partita. Anche Balotelli, che spero di recuperare prima di Natale, è un giocatore come Bertolacci che ci può dare più soluzioni offensive. Noi giocheremo sempre con almeno 4 giocatori offensivi, qualche volta abbiamo espresso meglio il nostro potenziale offensivo altre volte no, ma la mentalità della squadra deve essere sempre quella.”

Ancora Mihajlovic: “Con la Juve dovevamo e potevamo fare di più, abbiamo fatto bene la fase difensiva ma abbiamo peccato in fase offensiva, anche perchè gli attaccanti esterni si sono sacrificati molto. Abbiamo sbagliato un po’ troppi passaggi in uscita, i giocatori hanno personalità, bisogna trovare i risultare perché aiutano ad aumentare la stima e la fiducia. Ogni partita è una storia a sé. Con l’Atalanta ci mancavano diversi giocatori, altri li avevamo recuperati all’ultimo. Con la Lazio ci pressavano alti, l’Atalanta ci aspettava e ripartiva. La Juve ha trovato il gol, se noi l’avessimo trovato con Cerci forse sarebbe cambiata la partita. A Torino abbiamo sbagliato troppi passaggi in uscita e abbiamo tenuto pochi palloni sulla trequarti, dipende da noi e da come si comportano gli avversari. Noi prepariamo tutte le partite cercando di cambiare poco per quanto riguarda i nostri principi di gioco. La Fiorentina è 4 anni che gioca le coppe europee, hanno un gioco che continuano a portare avanti. Noi abbiamo cambiato giocatori, sistema di gioco e modo di lavorare. Il Sassuolo è una squadra di provincia ma è una squadra forte, non è più forte di noi ma è una buona squadra. I conti si fanno alla fine e vedremo dove saremo noi e dove saranno Fiorentina e Sassuolo. Spero sempre di non prendere mai gol per primo, capiterà anche di ribaltare una risultato sfavorevole ma se fino ad oggi non è accaduto non vuol dire che sia una questione di carattere. Nel derby per esempio abbiamo reagito ma non abbiamo trovato il gol, anche a Genova. Non si può parlare di svolta per una partita, noi dobbiamo trovare continuità nelle prestazioni e nei risultati. Abbiamo trovato un equilibrio difensivo, adesso ci sono partite che sulla carta ci possono permettere di risalire la classifica. Se giochiamo come sappiamo nelle prossime partite possiamo fare bene, io sono fiducioso, secondo me riusciremo a mantenere la media di due punti a partita fino alla fine del girone di andata. Noi non abbiamo 4 difensori, siamo in 9 perciò vediamo partita per partita. Josè Mauri sta crescendo, è un ragazzo giovane e promettente, alla sua età è sempre meglio andare a giocare. Nelle prossime partite avrà qualche chance perché è cresciuto molto”.

RICCARDO MONTOLIVO
“La partita di sabato è stata una brutta partita, la Juve aveva una supremazia territoriale. C’è dispiacere perché non volevamo a incappare in questa battuta d’arresto. Noi però abbiamo avuto una crescita costante, oggi siamo più forti di un mese fa, questo deve essere il nostro obiettivo, crescere costantemente senza farci destabilizzare. Credo che questa squadra abbia una personalità ben definita, in alcune partite magari non siamo riusciti ad esprimerla. Con la Juve dovevamo cercare di mettere in pratica le giocate che avevamo preparato e non ci siamo riusciti, lì dovevamo provare a fare qualcosa in più. Smentiremo questa critica. Ci sono state partite in cui abbiamo subito gol e abbiamo reagito bene ma senza essere fortunati, in altre invece non siamo riusciti a reagire. Non credo però sia una dato su cui fare una riflessione oggi”.

IGNAZIO ABATE
“Non dipende da un modulo di gioco ma come la squadra interpreta la partita, al di là dei numeri a Torino abbiamo fatto la partita che dovevamo fare. Dovevamo essere più propositivi. Al di fuori dei moduli sta tutto nel come interpreti la partita, domani dovremo dimostrare di scendere in campo per volere i 3 punti. La questione della personalità sta diventando un tormentone. Abbiamo cambiato tanto, allenatore, giocatori. Tutto questo fa parte di un processo di crescita, troveremo il nostro equilibrio”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.