10 dicembre 2016

Alfonso Pecorario Scanio: “Renzi più attento alle necessità delle lobby del petrolio che a quelle dei cittadini”

Sono stati presentati durante il convegno: “Smart cities ed economia circolare”, i dati del 13° rapporto: “Gli italiani e il solare”, con un focus su “Storage & Recycling” e sulla COP21, la conferenza internazionale sul clima che si terrà a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre. Anche quest’anno il favore degli italiani verso il solare conferma il trend positivo degli ultimi quattro anni con una percentuale di gradimento, registrata nel mese di novembre 2015, pari all’87%.

Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione UniVerde, è intervenuto sul tema ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus (www.unicusano.it).

“Quello che sorprende –ha affermato Pecoraro- è che l’indice di amore degli italiani per l’energia solare è sempre altissimo, mentre è crollato al 2% il nucleare, come carbone, gas e fossili. Gli italiani vogliono che si investa sull’energia solare e si superino questi impedimenti burocratici che creano problemi. Sta aumentando la consapevolezza degli italiani riguardo questa energia. Il governo vuole fare le trivellazioni, invece l’Enel ha capito che il futuro sono le rinnovabili. Mentre si parla di un cambiamento climatico che mette a rischio la sopravvivenza della nostra specie, abbiamo ancora a che fare con governi che continuano a puntare sui fossili. Le lobby petrolifere guardano al guadagno nel giro di 10 anni pur sapendo che si parla di rischio estinzione del genere umano. La svolta ci deve essere per forza, se addirittura il Papa ha fatto un’enciclica che poteva essere benissimo il programma dei Verdi”.

“In Italia –ha detto Pecoraro- c’è un partito come il M5S che è ecologista, non è un caso che io ho votato per loro. Se possiamo rivitalizzare anche i Verdi sarebbe l’ideale. Il problema è che il governo è arretrato, è sensibile alla parte più retriva del mondo industriale. Purtroppo non si nota l’ambientalismo di Renzi, se non a parole. Le sue scelte vanno nella direzione opposta. I cittadini italiani, chiamati al referendum a giugno, dovranno bocciare la scelta di fare trivellazioni a discapito delle rinnovabili”.

Fonte: Radio Cusano Campus