Dove nascono le Philippe Model e le scarpe Made in Italy

Philippe Model, Nike, Ungaro e i marchi più prestigiosi di scarpe del Made Italy vengono creati dalle sapienti mani degli artigiani della Riviera del Brenta. 

Philippe Model, Fendi, Genny, Saint Laurent Paris, Givenchy, Ungaro, Anne Klein, Vera Wang: le scarpe indossate durante le sfilate di queste e altre importanti maison di moda nascono nella Riviera del Brenta, tra le province di Padova e Venezia.

Conosciuta per le incantevoli ville che in passato ospitarono i ricchi patrizi veneziani, la Riviera del Brenta è famosa oggi proprio per la filiera produttiva dedicata al settore della Calzatura, specialmente quella di lusso.

La tradizione artigiana che ha dato vita ad uno dei distretti manifatturieri più prestigiosi d’Italia parte da molto lontano, precisamente dal XIII secolo, traendo origine dai “calegheri (calzolai)” che erano al seguito dei nobili veneziani in villeggiatura. La svolta industriale risale al 1898 quando Giovanni Luigi Voltan, forte delle esperienze maturate in America, diede vita a Stra (Padova) al primo complesso calzaturiero meccanizzato d’Italia. Furono in molti a seguire il suo esempio, posando le fondamenta di un sistema destinato a rappresentare il Made in Italy in tutto il mondo.

Il sigillo della “Confraternita dei Calegheri” rimane da secoli un segno per il settore, che da Venezia si è trasferito in terraferma – in Riviera del Brenta – dove ancora vive e prospera l’arte dei Calegheri. In Riviera del Brenta nascono le calzature che ovunque nel mondo si riconoscono per la fattura, l’eleganza e lo stile. In una parola: per l’anima. Qui, dal 1898 un mestiere antico è diventato un’industria moderna, dove il know how ha ancora l’artigiana valenza del “saper fare”, del saper coniugare passione ed esperienza, gusto e fantasia con la tecnologia, l’efficienza, e i risultati. Questa è la Riviera del Brenta.

Ogni giorno la creatività e l’intuizione dei designers si affida alle maestranze esperte perché traducano in realtà idee, visioni e progetti, nelle oltre 500 piccole e medie imprese che coprono l’intera filiera produttiva (dai calzaturifici ai produttori di componenti, materiali ed accessori per le calzature, fino agli studi professionistici di shoedesigners).

E proprio sulla dinamicità del settore calzaturiero della Riviera sono arrivati in questi anni dati che fanno capire che la ricetta per battere la crisi è proprio la specificità del “made in Riviera”. Una recente analisi aveva infatti evidenziato che il distretto della Riviera è il secondo polo calzaturiero italiano con il 13,9% degli addetti nazionali. Negli ultimi anni il distretto del Brenta è riuscito a vincere la sfida dei mercati esteri grazie all’alta qualità dei materiali e delle lavorazioni e all’attenzione al design.

Uno stile che firma le griffes più famose: per fare qualche nome ricordiamo Philippe Model Dior Saint Laurent Paris e Nike. Una qualità fatta di passione e tradizione che si riconoscono nei particolari. Un marchio che vive di passione e tradizione. La riviera del Brenta è il referente privilegiato di molte maisons di moda internazionali, con i più alti parametri di qualità, abituate a pretendere la massima affidabilità ai loro business partner. La quasi totalità delle calzature “griffate” (brand-names) presenti sui mercati mondiali sono prodotte – ma in gran parte co-ideate e progettate, ed in parte commercializzate – da calzaturifici della Riviera del Brenta. Un rapporto di lavoro costruito su misura che, dagli anni Sessanta ad oggi, ha permesso allo stile italiano di camminare sulle passerelle di tutto il mondo.

I video del giorno