7 dicembre 2016

Una singolare visita guidata al Monumentale di Milano

IM000732.JPG

Il Monumentale di Milano è un vero museo a cielo aperto, luogo dove convivono tutti gli stili architettonici e dove scoprire le radici culturali della città 

Il Cimitero Monumentale di Milano è un luogo unico, uno di quelli che spesso non vengono considerati dai turisti che arrivano nel capoluogo meneghino e che concentrano nei pochi giorni disponibili visite alle bellezze più conosciute, come ad esempio il Duomo, i Navigli o il Cenacolo.

Mi Guidi rappresenta un’affermata realtà nel panorama culturale milanese che negli anni ha saputo distinguersi rispetto ai consueti servizi turistici della città, perché in grado di offrire all’utente la possibilità di conoscere Milano da punti di vista differenti e di svelare le mille sfaccettature del suo animo che solitamente rimangono celate ai più.

Tra le tante visite guidate a Milano, da non perdere è quella al Monumentale di Milano, il più grande museo di scultura d’Italia, una vera e propria città nella città, una “fabbrica di antichità moderne”, dove tutti gli stili architettonici convivono, a riassumere l’intera storia dell’architettura, dal Menhir al grattacielo.

Voluto nella metà dell’Ottocento dal Comune di Milano per riunire in un unico luogo le spoglie mortali dei milanesi, il Cimitero Monumentale racconta la storia della città e dei suoi abitanti illustri. Con oltre 250.000 metri quadrati di estensione, è diviso il tre grandi aree: l’area cattolica, quella acattolica e quella ebraica. Visitarlo significa scorrere le pagine del passato, incrociando i destini della popolazione e rivivendone le storie attraverso la lettura delle iscrizioni funerarie o le decorazioni sulle lapidi.

Camminare per i viali alberati e le gallerie del cimitero Monumentale è come esplorare una città disabitata. Si viene subito rapiti dalla maestosa bellezza di un luogo che sembra fuori dal tempo. Ma c’è di più. Dentro questa bellezza si avverte un legame intangibile e profondo con i resti e le memorie delle persone che qui riposano. L’esperienza al seguito degli esperti di Mi Guidi, guiderà lo spettatore in un percorso umano e personale: non sarà soltanto una visita dentro un museo a cielo aperto, ma un’indagine alla scoperta delle radici culturali di questa città e, quindi, dell’identità dei cittadini – viventi e vissuti – che la compongono.

In entrata si viene subito accolti dal Famedio, una costruzione che doveva essere una chiesa ma che poi ha da sempre svolto la funzione di ospitare le tombe delle persone più rilevanti. Al suo interno si trova ad esempio la tomba di Alessandro Manzoni. Il Famedio ha la particolarità di rappresentare anche molte figure di personaggi famosi legati alla città di Milano che però non sono sepolte in questo cimitero. Tra queste Giuseppe Verdi, le cui spoglie risiedono presso la Casa di Riposo per Musicisti (sempre a Milano), il noto giornalista Piero Colombi, gli attori comici Sandra e Raimondo, Giuseppe Mazzini, Carlo Forlanini, Giuseppe Missori, Tommaso Grossi e molti altri.
Tra gli artisti più famosi sepolti al Cimitero di Milano possono essere ricordarti Arrigo Boito, il fumettista Sergio Bonelli, Gino Bramieri, Carlo Cattaneo (Famedio), Alfredo Catalani, Luca Beltrami (Famedio), Franco Corelli, Guido Crepax, Ambrogio Fogar, Gianfranco Funari, Giorgio Gaber, Francisco Hayez, Alessandro Manzoni (Famedio), Giuseppe Meazza, Alda Merini, Salvatore Quasimodo, Enzo Tortora, Filippo Turati e il grandissimo Arturo Toscanini. Al cimitero si possono inoltre visitare l’ossario e il tempio crematorio ottocentesco, non più in uso da diverso tempo ma importante testimonianza della cultura scientifica del passato.