5 dicembre 2016

Roma TPL, Ilari, USB: “Ci siamo rivolti al prefetto Gabrielli e lui ci ha mandato i blindati”

Foto Alessandro LaRocca - LaPressecronaca12 01 2013 Isola del Giglio Grosseto - Conferenza stampa sul recupero della Costa ConcordiaNella Foto Franco Gabrielli

Ilario Ilari è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it), in merito al caso legato a Roma Tpl.

“Sembra che tutto intorno a noi per troppo tempo abbia taciuto –ha affermato Ilari-. Ci sono notizie che rimbalzano, i problemi dei cittadini, ma non dimentichiamoci che anche i lavoratori di questo settore sono cittadini e utenti. Dobbiamo percepire lo stipendio di ottobre. In alcune delle aziende del consorzio Tpl gli stipendi di settembre sono stati percepiti appena 2 settimane fa. Ormai si superano di poco i 1000 euro mensili, alcuni sotto i 1000. Si lavora una media di 42 ore settimanale contro le 39 previste contrattualmente. Molte di queste ore non rientrano neppure nello straordinario”.

“E’ vero che dopo l’inizio di questo blocco che ha avuto origine a Maglianella –ha detto Ilari-. tutti gli altri depositi hanno proceduto a questo blocco. Perché le istituzioni non ci hanno risposto e non si sono presi alcun impegno nonostante le nostre segnalazioni”.

“Sono 5 anni che i pagamenti degli stipendi ritardano –ha spiegato Ilari-. Nell’ultimo periodo sono state tolte indennità che hanno inciso per oltre 250 euro mensili sulla busta paga dei lavoratori. I dipendenti si sono rivolti alle proprie aziende, ci sono state varie proteste. Poi però da almeno due anni e mezzo se non tre, queste proteste sono state rivolte nei confronti delle amministrazioni comunali. Dopodiché ci siamo rivolti ad ogni organo competente. Un gruppo di lavoratori ha chiesto un’interlocuzione col prefetto che ci ha mandato i blindati, ci sono immagini che lo testimoniano. Le istituzioni sono stati capaci solo a fare promesse, senza mai trovare soluzioni. Hanno continuato a coprire questo sistema, non interessandosi mai veramente alla questione”.

“Noi in Usb contiamo molto sulla collaborazione dei cittadini, tanto che siamo sempre stati in contatto con comitati di cittadini e pendolari. Molte delle iniziative che spesso portiamo in piazza vedono la collaborazione dei cittadini. Noi abbiamo chiesto esplicitamente al Comune di risolvere questa cosa, pagandoci direttamente gli stipendi, che tanto le aziende dipendono da loro. I lavoratori temono sanzioni, non è che ce ne freghiamo di questo. Però spero che non si speculi su questa cosa perché non è da oggi che c’è il problema. Già Renzi era intervenuto dicendo che avrebbe pensato un sindacato unico così come avrebbe pensato di regolamentare in maniera restrittiva il diritto di sciopero. Attualmente i lavoratori hanno solo quest’arma, se ci tolgono anche questo non abbiamo più possibilità per far sentire la nostra voce”.

Fonte: Radio Cusano Campus