4 dicembre 2016

Riccardo Magi, Radicali Italiani: “Roma? Non credo che Marchini e M5S possano segnare rottura”

Riccardo Magi, Segretario nazionale dei Radicali Italiani, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Magi (Segr. Naz. Radicali italiani) a Radio Cusano Campus: “Competizione elettorale basata su regole sleali. Sistema preferenze favorisce clientele e camorre. Italicum è uno sgorbio di legge. Roma? Non credo che Marchini e M5S possano segnare rottura”

“Vogliamo risalire dal punto di vista elettorale –ha affermato Magi- Ma bisogna capire quali sono le regole di gioco e se si sta a un tavolo di bari o no. Quello delle preferenze è un sistema che favorisce le clientele e le camorre, lo abbiamo visto anche a Roma. Consiglieri prendono migliaia di preferenze senza fare alcuna battaglia, poi scopriamo che dietro ci sono favorini, amicizie, ecc…  Uno non si può aspettare più di tanto da competizioni del genere, penso anche all’Italicum che è uno sgorbio di legge. Sono regole sleali in partenza nei confronti dei cittadini”.

“Tutte le forze politiche hanno una mancanza di una classe dirigente da esprimere e non riescono a individuare candidati credibili –ha affermato Magi-. A Roma e in altre città c’è una situazione difficile da riformare. Non è vero che a Roma è tutto successo sotto Alemanno. I problemi si sono incancreniti e non sono stati affrontati negli ultimi 20 anni. A partire dal 2000 fino ad Alemanno e i due anni e mezzo di Marino vedo una continuità. I più grossi investimenti che sono stati fatti in questa città, come la metro c la nuova fiera di roma la città dello sport di Calatrava, la nuvola di Fuksas, sono miliardi di euro di investimenti che dovevano dare alla città delle infrastrutture fondamentali e invece si sono rivelate solo sprechi. Non è solo il problema di Mafia Capitale, qua sta il grosso spreco e la grossa incapacità di avere una classe dirigente. Speriamo che non si ripropongano sotto nuove sembianze gli stessi assetti di potere”.

“Ho letto che Marchini lancerà 10 delibere e chi sarà d’accordo sarà nella sua coalizione –ha detto Magi-. Io sono curioso di vederle quelle delibere. Qualcuno per essere credibile dovrebbe dirle dalla campagna elettorale le scelte coraggiose che vuole fare. M5S e Lista Marchini in questi anni li ho visti cavalcare quelle corporazioni legate anche a sindacati conservatori, è difficile credere che possano segnare una rottura col passato”.

Fonte: Radio Cusano Campus