11 dicembre 2016

MV Agusta Dragster RR LH44, nasce nei paddock la prima moto firmata Lewis Hamilton

MV Agusta è da sempre la moto più amata nel paddock della F1. Nel corso degli anni campioni come Berger, Irvine, Montoya e Damon Hill sono stati clienti e amici della casa di Schiranna, che all’indimenticato mito di Ayrton Senna ha dedicato due serie speciali della F4, nel 2002 (F4750 e nel 2006 (F41000).

Questa leggenda si rinnova oggi con il tre volte campione del mondo Lewis Hamilton. Lewis Hamilton e la Dragster RR hanno molti punti in comune. Sono radicali ed estremi nello stile, maniaci nella cura del dettaglio, esuberanti, sfacciati e non temono avversari. Condividono la stessa indole vincente e la ricerca dell’assoluto. Insieme formano un binomio irresistibile che si riassume in una sigla destinata a diventare leggenda: Dragster RR LH 44. Al valore intrinseco di una Dragster RR assemblata con le più pregiate parti speciali e finiture, si aggiunge il valore collezionistico.

mv-agusta-ad-eicma-2015-presskit-_g208431Mai prima d’ora un campione di F1 aveva partecipato direttamente alla creazione di una nuova moto e questo non poteva che capitare a una MV Agusta. Per alcuni mesi Lewis Hamilton è stato a stretto contatto con il Centro Ricerche Castiglioni per scegliere i dettagli, le finiture e gli accessori più esclusivi. La grafica ne è un esempio: il colore bianco perlato e il logo della pantera, sono gli stessi del suo casco, così come il suo numero di gara, il 44 presente, oltre che sul frontale e lateralmente, anche sulla chiave d’accensione. Molti sono i dettagli di altissima manifattura, dalla sella, in pelle ricamata con seduta in alcantara trapuntata ai numerosi particolari in ergal (leve manubrio, tappo serbatoio, coperchio pompa freno) anodizzati nella speciale gradazione di rosso esteso ai loghi, al telaio, alle pedane e alle spettacolari ruote a raggi. Altra caratteristica della Dragster RR LH44 sono i semi‐manubri regolabili e rifiniti in nero opaco, come la stampella laterale, le piastre telaio, le piastre pedane.

Come per un bolide da F1, anche la maggior parte delle sovrastrutture della LH44 è in fibra di carbonio, con finitura 3K opaca. Con questo prezioso e leggero materiale sono stati realizzati i parafanghi anteriori e posteriori, il cupolino, i convogliatori e i fianchetti laterali, la protezione para‐calore del silenziatore, della trasmissione e del forcellone e il carter pignone. Le analogie con la F1 proseguono anche nel frontale, dominato dal numero di gara 44 (integrato dalla targhetta identificativa della serie limitata a 244 esemplari), oltre al logo della pantera e alla firma del pilota britannico.

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.