10 dicembre 2016

Garcia: “Abbiamo il destino nei nostri piedi”

Rudi Garcia esprime tutta la sua delusione al termine della sconfitta per 6-1 contro il Barcellona al Camp Nou, ma per il tecnico francese la chiave positiva della serata arriva dall’1-1 tra BATE e Bayer Leverkusen.

Nonostante la sconfitta contro i blaugrana, infatti, i giallorossi restano al secondo posto del girone E di Champions League e con una vittoria contro il Borisov nel match del 9 dicembre possono assicurarsi il passaggio agli ottavi di finale della competizione.

“La buona notizia della serata è arrivata prima della partita, il pareggio tra Borisov e Leverkusen ci lascia il destino tra in nostri piedi per passare agli ottavi”, ha dichiarato l’allenatore dell’AS Roma al termine del match. “Ci voleva un miracolo per vincere contro il Barcellona e non c’è stato: una squadra che vince 4-0 a Madrid ed è nel momento migliore della sua forma rappresenta un’armata invincibile, una squadra stratosferica. In questo momento non ci si può giocare contro”.

Sono troppi i gol presi?
“Non cambia nulla, servirà battere il BATE se vogliamo andare avanti. Il Barcellona ha fatto grandi gol e ha grandi campioni, la rete di Suarez ne è l’esempio: sono imprendibili. Non sono preoccupato per niente, così non ci piace perdere ovviamente, ma non c’è nulla a che vedere tra la sconfitta contro il Bayern Monaco dell’anno scorso e questa di stasera. Siamo arrivati al Camp Nou con grande umiltà, anche se avessimo sfruttato l’occasione del primo gol di Dzeko questa sera avremmo comunque perso”.

Si poteva fare qualcosa in più e se sì cosa?
“Forse potevamo segnare all’inizio ed essere un po’ più chiusi, ma ci abbiamo provato in tutti i modi. Abbiamo fatto pressing subito ed è arrivata l’occasione sul corner con Dzeko, poi ci siamo chiusi ma nonostante fossimo tutti indietro abbiamo subito lo stesso gol. Ripeto: anche se Edin avesse segnato avremmo perso lo stesso. Nel primo tempo potevamo far meglio sull’utilizzo della palla, che abbiamo perso troppo velocemente. Non ho niente da rimproverare ai giocatori, a parte il fatto che nel primo tempo potevamo usare la palla meglio e fare gol. Vincere, però, stasera era impossibile.

Che differenze ci sono state rispetto all’andata?
“Il risultato di questa sera è merito della performance del Barcellona e questo alza ancora di più il valore della nostra prestazione dell’andata. Loro sono sulle nuvole in questo momento, non c’era bisogno di questa prestazione per sapere che sono una grande squadra. Siamo lontani da loro e se non sono la migliore squadra del mondo sono tra quelle. Sono deluso, c’è amarezza, lo scarto è importante, ma alla fine dobbiamo solo pensare a vincere contro l’Atalanta in campionato e poi contro il Borisov per andare avanti in Champions. Ho risparmiato De Rossi e ho tolto Nainggolan, che erano entrambi sotto diffida: li avremo per la sfida decisiva. Ho inoltre risparmiato Pjanic e Florenzi dal giocare tutto il match: queste sono le poche cose positive della serata”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.