5 dicembre 2016

Quanto costa spedire un pacco? Ecco come saperlo al centesimo

Quando c’è la necessità di spedire un pacco e bisogna sapere quanto verrà a costare il servizio, ci sono delle variabili da tenere presenti che influiscono sullo stesso costo.
In realtà non è una cosa semplice riuscire a calcolare il costo reale di una spedizione, ed è per questo che è utile sapere quali sono le voci da considerare.

Consultare il listino prezzi
Consultare il listino prezzi di ogni singolo corriere sarebbe difficile e farebbe perdere un sacco di tempo, anche ammesso di conoscerli tutti per poter calcolare i costi. A questo proposito però ci viene in aiuto la tecnologia, infatti è possibile spedire on line avvalendosi di appositi siti i quali già contengono in se i prezzi dei corrieri e li mettono in relazione alle misure e al peso del pacco da spedire. In questo modo il meccanismo del sito, inseriti alcuni dati relativi al pacco e naturalmente la destinazione, restituirà i vari prezzi finali per ogni corriere. C’è da tenere in considerazione che questo servizio prevede il ritiro del pacco direttamente a casa, senza quindi andare in centri di raccolta a consegnare il pacco.

I parametri da considerare per una spedizione
Il costo di una spedizione dipende anche dal peso e dal volume, quest’ultimo definito con più esattezza peso volumetrico. Il peso volumetrico riguarda quei pacchi molto leggeri ma che hanno dimensioni non piccole. Il prezzo quindi aumenta con il peso e anche in base al volume e quindi alla superficie che occupa.
Anche in questo caso il calcolo del peso volumetrico varia in base al corriere, per cui avere un pacco da spedire di grandi dimensioni richiede di tenere presente questo parametro in base alle informazioni che sono presenti sul sito.

Il costo per le zone difficilmente raggiungibili
Le zone difficilmente raggiungibili sono anche dette “disagiate”, perché il corriere trova difficoltà nell’arrivare a destinazione.
E’ il caso per esempio per le zone di montagna o delle isole minori. Questo è un particolare che determina un aumento di prezzo delle spedizioni, oltreché uno o due giorni in più per recapitare il pacco, e cambia da corriere a corriere. Anche la lista delle località disagiate non è per tutti uguale, quindi se sapete di dover spedire qualcosa in una di queste, vi conviene valutare bene le zone servite dai corrieri.
Da tenere presente che la stessa lista subisce aggiornamenti anche in una sola settimana.
In casi eccezionali potrebbero essere considerate zone disagiate anche quelle in centro città, dove la logistica risulta particolarmente complicata da divieti, strade strette, ecc.
Un altro aspetto da considerare prende il nome di “fuel surcharge” cioè il sovrapprezzo per il costo del carburante.
Consiste in una percentuale che prende in considerazione l’andamento del prezzo del carburante basato sul costo di un barile di petrolio.
Se il prezzo del petrolio e del carburante salgono, anche il prezzo delle spedizioni di conseguenza aumenta, ma se il prezzo cala, lo stesso accade al costo della stessa spedizione.
Ricercate quindi on line la quotazione del petrolio e del carburante e fate il confronto tra il valore rispetto a quando avete ordinato la spedizione. Ricordate che anche questo calcolo cambia in base al corriere ed è utile leggere i singoli parametri.