8 dicembre 2016

Not in my name

Young British Muslims have come together to launch a social media campaign against ISIS using #notinmyname to register their revulsion and the rejection of terrorist groups actions which claim are in the name of Islam some of its supporters has been led by East London based charity Active Change Foundation in Leytonstone. Hanif Qadir founder of the Foundation speaks to young British Muslims at the youth centre. Press Association photo Tuesday September 16th 2014 picture Sean Dempsey/PA

Sembra un sabato mattina come tanti, apro la finestra e la piaggia inonda la capitale. Oggi parteciperò alla manifestazione “Non nel mio nome” indetta dall’UCOII (Unione delle comunità islamiche italiane) per manifestare la loro solidarietà per le vittime di Parigi e gridare che la loro religione non c’entra nulla con il terrorismo. Ma veramente ci sono persone che pensano che tutti i mussulmani siano terroristi? Esco di casa con questa domanda nella mente e mi reco alla metropolitana che mi porterà alla manifestazione a Piazza Santi Apostoli. La prima cosa che colpisce e colpirà per molto tempo sono i militari armati di fucile che aspettano dietro ogni tornello di tutte le fermate della linea. Scendo a Spagna e cerco di avere una risposta alla mia domanda. Chiedo al barista che mi prepara il caffè, all’edicolante che mi vende il giornale, alle persone che ammirano la bellezza della città e tutti la pensano uguale. Nessuno lo vuole pensare ma tutti ci pensano. Le risposte sono quasi tutte “no…però”. I dubbi continuano a crescere fino a quando arrivo in piazza che a pochi minuti dall’inizio della manifestazione non trovo stracolma come avrei immaginato. Le persone che si sono riunite però bastano a mostrare la bellezza di questa iniziativa. Le bandiere della pace e quelle della comunità di Sant’Egidio ne fanno da padrone. Molti i cartelloni contro il terrorismo, contro la guerra e contro l’islamofobia.  Il circo mediatico segue ogni persona di fede mussulmana che abbia voglia di rilasciare una parola. La cosa che colpisce di più è la fede comune che condividono tutti i partecipanti, di qualunque religione siano, che  è la pace. Una pace che viene invocata più volte dal palco. Mentre si susseguono gli interventi di esponenti politi e religiosi dal fondo arriva un corteo con in testa uno striscione con su  scritto “non siamo noi il nemico” gridando con forza “No al terrorismo” e “No isis”. La commozione e la forza nel rinnegare questo orrore da parte di una signora con il volto dal hijad fa commuovere tutti i presenti. Dopo tutto quello che ho visto, lacrime abbracci urla di pace, amore e solidarietà non credo che nessun uomo ragionevole possa credere che il terrorismo sia l’islam. Una delle cosa che non scorderò mai è l’intervento di Marco Impagliazzo presidente della comunità di Sant’Egidio “Siamo qui per dire tutti insieme ‘not in my name’. Uno dei nomi più belli di Dio è la pace. Nel Corano è scritto che colui che uccide un uomo, uccide il mondo intero. A Parigi il mondo è stato ucciso. Secoli di storia e di guerre ci hanno separato ma ora abbiamo il dovere di vivere insieme pacificamente. Essere dei veri musulmani e dei veri cristiani significa questo: lavorare insieme per la pace. Nessuna guerra è santa, solo la pace è santa”. 

Claudio D’Adamo