10 dicembre 2016

Intervista a Genesio Bevilacqua: “Il pilota che non si diverte, non vince”

Anche se tutto sembra fermo e il calendario della prossima stagione è ancora provvisorio, in realtà il mondo della Sbk è sempre in movimento. E’ notizia di poche ore fa che l’Althea Bmw Racing Team parteciperà l’anno prossimo al campionato mondiale Sbk e alla FIM Superstock Cup 1000 con il sostegno di Bmw Motorrad Motorsport.

Il genio italiano si unisce alla concretezza tedesca e alfieri della nuova avventura del capitano Genesio Bevilacqua saranno Jordi Torres e Markus Reiterberger nella Sbk e Raffaele De Rosa nella Superstock. A curare lo sviluppo delle moto nelle vesti di direttore tecnico sarà Jan Witteveen; l’olandese coordinerà gli ingegneri del team con quelli della Bmw Motorrad Motorsport.

Abbiamo, così, intervistato il capitano di queste nuove sfide, l’appassionato che ha portato sul tetto più alto del mondo la Ducati e il torero Carlos Checa: “In Sbk – spiega Bevilacqua – l’obiettivo è ritornare ad essere competitivi per giocarsela con i migliori, dopo due anni di sofferenze e equivoci regolamentari. Il discordo Evo, ad esempio, si è rivelato un flop. Siamo stati penalizzati dall’essere stati solo dei clienti della Ducati, e continuare in quel modo non aveva più senso. Abbiamo, così, deciso di collaborare strettamente con la Bmw, che si occuperà dello sviluppo del motore e dell’elettronica. Toccherà a noi, invece, sia lo sviluppo della ciclistica che il coordinamento degli aspetti sportivi e logistici”.

La Sbk è rimasto l’unico campionato mondiale di velocità dove un privato può ambire alla vittoria finale: “E’ – racconta Genesio – possibile perché il rapporto uomo-macchina è più favorevole all’uomo. Il regolamento non permette grosse rivoluzioni sul mezzo e certe stregonerie elettroniche, molto diffuse nella MotoGp, sono vietate. Il polso del pilota è ancora l’elemento prevalente. La filosofia del mio team è offrire al pilota una casa accogliente per farlo sentire al centro del progetto. Deve essere sempre l’uomo a governare la macchina, anche grazie all’ausilio di un ingegnere, ma mai viceversa. Se lo schermo dice una cosa diversa da quella del pilota, è sempre su quest’ultimo che bisogna lavorare. La differenza tra l’andare forte e l’andare piano è una questione di sensazioni. Dobbiamo fare in modo che il punto dove il pilota avverte il pericolo sia un punto che si allontana sessione dopo sessione”.

Uno dei segreti per andare forte è il divertimento: “Il pilota – sottolinea il capitano dell’Althea Bmw Racing Team – che non si diverte non vince; il sorriso è fondamentale. Il pilota si diverte quando va in pista e si migliora dopo ogni uscita; ciò avviene perché c’è qualcuno che l’ascolta e gli dà credito. Jordi è un rider fortissimo mentre Markus è un’interessante giovane promessa. Raffaele è al nostro secondo anno e, oggi, al primo approccio con la moto sul tracciato di Jerez de la Frontera è stato velocissimo. Ha fatto registrare un tempo di oltre un secondo più basso rispetto a quello registrato nelle qualifiche della gara di settembre. Sono convinto che con loro saremo presto veloci e costanti”.

Fonte foto: www.worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.