8 dicembre 2016

In Italia è Neet il 35% dei giovani tra i 20 e i 24 anni

In Italia il 35% dei giovani di età compresa tra i 20 e i 24 anni sono “neet“, ovvero giovani “che non sono impegnati nello studio, nel lavoro o nella formazione”. È quanto emerge dal Rapporto ‘Education at a glance 2015’, l’annuale pubblicazione Ocse che analizza i sistemi di istruzione dei 34 Paesi membri, presentato oggi al ministero dell’Istruzione.

La partecipazione all’istruzione post secondaria e terziaria, spiega il rapporto, effettivamente “ha avuto scarso effetto nel limitare l’aumento dei giovani neet”. La prospettiva di un ritorno d’investimento relativamente basso e incerto, dopo un lungo periodo trascorso nel sistema dell’istruzione, “potrebbe spiegare l’interesse limitato dei giovani italiani ad intraprendere gli studi universitari. Circa il 35% dei 20-24enni non hanno un lavoro, non studiano, né seguono un corso di formazione (i cosiddetti neet: neither in employment, nor in education or training), la seconda percentuale più alta dei Paesi OCSE”. Tra il 2010 e il 2014, “i tassi di occupazione hanno registrato un brusco calo per questa fascia di età (dal 32% al 23%), ma la quota dei 20-24enni che continua a istruirsi è rimasta stabile al 41%”.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.