7 dicembre 2016

Bracciano – Convenzione tra il comune e l’ass. Piccola Orchestra Contemporanea, i chiarimenti dell’amministrazione

L’Amministrazione comunale in merito alla campagna denigratoria promossa dalla Piccola Orchestra Contemporanea  a seguito dell’avvenuta scadenza della convenzione tra il Comune di Bracciano e la stessa Associazione intende stigmatizzare i comportamenti messi in atto precisando quanto segue:

–        Con la deliberazione di Giunta Comunale n. 347 del 4/11/2015, “i ridicoli rappresentanti della Giunta” (tra l’altro democraticamente eletti) hanno concesso, nonostante la scadenza già avvenuta (30 settembre) della convenzione che riconosceva un diritto all’uso dei locali comunali, il proseguimento delle attività didattiche dell’Associazione nell’Auditorium e nella Sala dell’Archivio Storico fino al 30 giugno 2016.

–        Lo stesso deliberato prevede che, “in caso l’Amministrazione ritenesse di voler concedere a terzi l’Auditorium comunale per finalità di pubblico interesse, si provvederà a predisporre avviso ad evidenza pubblica entro il 30/6/2016”, volendo con ciò offrire pari opportunità a tutte le numerose realtà associative esistenti ed operanti sul territorio, privilegiando nel Bando la qualità dell’offerta proposta senza escludere nessuno.

–        Si sottolinea che l’Auditorium comunale è stato concesso in uso esclusivo alla Piccola Orchestra Contemporanea per tutti i giorni lavorativi della settimana escludendo la possibilità di utilizzo per altre associazioni, così come la Sala di Servizio dell’Archivio Storico concessa dalle ore 14 alle ore 19 del lunedì, mercoledì e venerdì. La concessione degli spazi prevedeva una corresponsione complessiva  di € 100,00 aumentate, con la deliberazione citata, ad € 300,00 mensili, il tutto subordinato alla facoltà dell’Amministrazione di quantificare il valore economico di eventuali proposte artistiche formulate dall’Associazione per rideterminare l’importo totale dovuto all’Ente.

L’atto adottato si considera pienamente legittimo ed offre alla Piccola Orchestra Contemporanea l’opportunità di continuare le proprie attività in spazi pubblici. Ci si chiede tra l’altro quale beneficio avrebbe l’Associazione se il Comune accettasse la formale richiesta di annullamento della deliberazione contestata che automaticamente farebbe decadere il diritto all’uso degli spazi comunali venuto meno con la scadenza della convenzione il 30 settembre u.s. e prorogato con la deliberazione 347/2015  fino al 30 giugno?

Le modalità di contestazione utilizzate si ritengono offensive sia nei riguardi dell’Amministrazione Comunale che nei riguardi degli uffici comunali competenti per materia ai quali si manifesta la più ampia solidarietà ed il riconoscimento pubblico della correttezza delle procedure adottate. A tale proposito si evidenzia come il Polo Culturale di Bracciano diventi “inadeguato ed ignorante” solo nel momento in cui modifica le procedure di concessione per l’utilizzo di spazi comunali e non già quando concede.

Si sottolinea infine la piena autonomia dell’Amministrazione Comunale rispetto alla propria autodeterminazione sulla scelta di attivare una procedura ad evidenza pubblica nella massima trasparenza per la concessione degli spazi comunali nei quali esercitare attività culturali che si ritiene non siano esclusivo patrimonio della Piccola Orchestra Contemporanea o di altre Associazioni analoghe le quali, tutte, potranno partecipare, a pari titolo, all’Avviso facendo emergere le proprie qualità.

Si diffida, infine, l’Associazione Piccola Orchestra Contemporanea a proseguire nell’azione diffamatoria intrapresa utilizzando all’uopo spazi pubblici concessi per attività culturali e non certo per essere il luogo della raccolta di firme di improbabili petizioni.

About Ruggero Terlizzi 2875 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it