10 dicembre 2016

Calcio – Serie A, Milan, le dichiarazioni del post partita

Queste tutte le dichiarazioni rilasciate nel post partita di Juventus-Milan:

M’BAYE NIANG
“Oggi ci è mancata un po’ di spinta offensiva, abbiamo perso, ma dobbiamo tornare a Milano con l’idea che contro la Sampdoria dobbiamo vincere. Dobbiamo continuare a lavorare e andare sabato a San Siro con la voglia e il dovere di vincere. Di condizione con l’allenamento che faccio mi sento sempre meglio, devo continuare a lavorare perché ho avuto un infortunio un po’ lungo e devo ritrovare la condizione per fare delle belle partite. Io nel 4-3-3 mi trovo molto bene, se giocheremo nel 4-4-2 deciderà il mister dove farmi giocare, io continuo a lavorare.”

ALEX
“Loro hanno segnato all’unica opportunità da gol. Dobbiamo stare più attenti la prossima volta, per migliorare il nostro lavoro.
Dovevamo difendere bene e poi fare male agli avversari in ripartenza con il pallone tra i piedi. Oggi ci è mancato solo il gol, ma anche qualcosa in fase di uscita del pallone.
Possiamo superare questo momento. Abbiamo perso una gara difficile, in uno stadio difficile come lo Juventus Stadium, ma è chiaro che la prossima gara serve una risposta. Dovremo giocare meglio e riscattarci.
A livello difensivo nelle ultime gare abbiamo fatto molto bene e credo questo sia importante. Si parte difendendo bene. Con il pallone dobbiamo lavorare comunque e fare meglio, per fare del male agli avversari.
Donnarumma è un grandissimo. E’ un ragazzo di soli 16 anni, ma ci aiuta sempre a noi centrali. Deve crescere ed ascoltare il mister. Con l’esperienza, sarà anche meglio.
Contro la Sampdoria dobbiamo fare meglio, una bella partita e andare alla ricerca dei 3 punti”

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
E’ vero che il primo tiro è arrivato nello specchio della porta, però è anche vero che con Cerci e Kucka abbiamo avuto due occasioni. Loro sapevo che avrebbero attaccato con tutte le forze nel secondo tempo, in fase difensiva siamo andati bene ma in fase offensiva abbiamo fatto poco e niente. Quando hanno fatto gol abbiamo avuto una reazione, ma era rimasto poco tempo e non siamo riusciti ad essere pericolosi e su questo dobbiamo migliorare. Siamo stati poco pericolosi. La squadra che è andata in campo e i cambi che abbiamo fatto era la squadra più offensiva che si potesse fare. Quando recupereremo tutti i giocatori vedremo, visto che nelle ultime cinque partite avevamo fatto bene non c’era bisogno di cambiare modulo perché avevamo trovato una costanza di risultati. Quando si sbagliano troppi passaggi e no si riesce a tenere la palla nella tre quarti potrebbe essere anche un problema di personalità, ma noi abbiamo giocatori che la personalità ce l’hanno, purtroppo oggi abbiamo sbagliato troppi palloni anche in uscita.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.