5 dicembre 2016

Ostia – Sigilli per “presunti abusi edilizi” allo Shilling-La Rotonda

400 metri quadrati di abusi tra il ristorante e la discoteca, è questo quanto contestano le forze dell’ordine al proprietario dello Shilling-La Rotonda.

Continua con questi nuovi sigilli il contrasto all’illegalità nel X Municipio di Roma Capitale, con i controlli effettuati dagli agenti della Polizia Locale del X Gruppo Mare coordinati dal comandante Antonio Di Maggio, che agiscono secondo le direttive messe a punto venerdì dal prefetto Domenico Vulpiani, con controlli contro l’abusivismo che vanno dal mare di Roma all’entroterra.

shilling1Gli agenti hanno controllato accuratamente, con mappe alla mano, tutte le aree dello stabilimento; controlli ai quali non si è potuto opporre il titolare della concessione. A seguito dei controlli verranno presi in esame tutti gli atti depositati presso l’Ufficio Tecnico del Municipio per ricostruire la storia delle concessioni e dei permessi.

La struttura, aveva come concessione originale una superficie di 300 mq. Ai controlli i Vigili hanno riscontrato una estensione in cubatura del locale principale fino a 600 mq. Inoltre, nella stessa area erano stati costruiti altri locali, tutti abusivamente: un bar di 24 mq sovrastato da tettoria, regolarmente attivo; un altro chiosco/bar di 120 mq., completo di pedanatura in legno con salottini e priveé per circa 750 mq, posizionato a 8 mt. dalla battigia, e ancora altri fabbricati in legno per una estensione di 80 mq.
Una estesa pavimentazione in travertino, anzichè poggiata su sabbia, era stata posta su massetto in cemento, al posto dell’arenile demaniale protetto.
Tutta la struttura è stata posta sotto sequestro dagli Agenti. Verranno ora presi in esame tutti gli atti depositati presso l’Ufficio Tecnico del Municipio per ricostruire la storia delle concessioni e dei permessi.

I controlli che questi giorni hanno investito il Lungomare (Le Dune, il Lido, il V-Lounge) sono destinati a durare.

Ieri nel corso dell’audizione in commissione Antimafia  Sabella è tornato sull’argomento: “Sono 71 le concessioni ad Ostia per stabilimenti balneari, le ho fatte controllare tutte e ho trovato tantissime irregolarità e violazioni palesi che dovrebbero portare alla revoca o alla decadenza delle concessioni. Ho fatto l’errore grandissimo di rimandare tutto al 1 ottobre per non pregiudicare la stagione estiva, poi le vicende che hanno riguardato il Comune mi hanno impedito di completare il lavoro di revoca e l’avvio di decadenza delle concessioni dove sono stati consumati abusi edilizi che sono stati occultati, lo dico con cognizione di causa, presso l’ufficio condono edilizio di Roma, dove giacciono delle pratiche con domande di condono che sicuramente saranno rigettate, visto che si tratta di abusi edilizi commessi sul demanio in zone ampiamente vincolate. – prosegue – Dovrebbero essere rigettate ‘de plano’  ma ciò non è avvenuto e sono state messe nel calderone delle oltre 200 mila pratiche di condono edilizio e lì sarebbero rimaste per anni se non fossi intervenuto io, che ho chiesto di tirarle fuori dal mucchio e di istruirle, cosa che so si sarebbe dovuta iniziare a fare ma non so cosa sia avvenuto successivamente.