4 dicembre 2016

Decreto Missioni, Frusone: “Ridurre le spese delle missioni all’estero per aumentare la sicurezza in Italia”

Luca Frusone, Capogruppo in Commissione Difesa del Movimento 5 Stelle, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

La Camera ha approvato la norma del decreto missioni militari all’estero che permetterà al presidente del Consiglio dei ministri di disporre operazioni speciali all’estero affidate ai corpi militari speciali d’elite riconducibili alla catena di comando dei servizi segreti. “Questo emendamento è una misura emergenziale –ha affermato Frusone-. Si sono resi conto che l’Intelligence va potenziata e cercano di ovviare con uomini presi da altri comparti. E’ un provvedimento emergenziale, ma pensare che questa cosa possa essere fatta sempre ci lascia un po’ perplessi, perché è un accentramento di poteri che può essere pericoloso”.

“Sono più di 20 le missioni all’estero, con 5000 soldati –ha aggiunto Frusone-. La nostra linea è ridurre le nostre spese all’estero per aumentare le spese di sicurezza in Italia. Abbiamo in piedi la missione in Afghanistan. Quei soldi dovrebbero essere usati per migliorare l’Intelligence, ma ci hanno bocciato l’emendamento per la legge di stabilità. Per questo abbiamo votato contro il decreto missioni. Si parla di 1,2 miliardi ogni anno. Questi soldi dovrebbero essere usati soprattutto per l’Italia piuttosto che per le missioni all’estero”.

Su un’eventuale risoluzione militare in Siria. “Fino ad ora le bombe hanno portato altre bombe –ha affermato Frusone-. Dopo l’intervento della Francia su Raqqa, quasi tutti hanno pensato che la Francia non avesse fatto nulla fino a quel momento. Invece la Francia aveva fatto più di 250 operazioni in Siria. Non è facile decifrare le intenzioni del governo italiano. Renzi ha detto che l’Italia non è in guerra, speriamo che rimanga di questo avviso. Noi saremmo contrari ad un intervento in Siria. Come dicono molti analisti serve una risoluzione politica e non militare. Quello che c’è oggi in Siria è il risultato delle scelte scellerate fatte in Afghanistan, in Libia, in Iraq. Pensare di curare questa situazione con la stessa medicina che ha portato a questo scenario è piuttosto idiota”.

Fonte: Radio Cusano Campus