5 dicembre 2016

Cisterna di Latina – Approvata la rinegoziazione dei mutui

Si è tenuta ieri mattina, con inizio alle 11,30 circa, la riunione di Consiglio comunale con all’ordine del giorno la rinegoziazione dei mutui con la Cassa Deposti e Prestiti per il secondo semestre 2015.
Presenti in aula 23 consiglieri con le uniche assenze di Mauro Carturan e di Alfredo Cassetti.
Prima di aprire il dibattito in aula, il Presidente del Consiglio comunale, Luigi Ganelli, ha chiesto un minuto di raccoglimento per le vittime degli atti terroristici avvenuti in Francia alle quali il consigliere Paolo Panfili ha chiesto di unire anche il ricordo delle vittime libanesi.
Al termine Ganelli ha proceduto alla lettura di due comunicazioni sul prelievo dal fondo di riserva rispettivamente di 10mila euro per l’emergenza abitativa e di 7mila per spese di liti e arbitraggi legali.
Il consigliere Merolla ha chiesto, attraverso due interrogazioni, lo stato dei lavori e le intenzioni dell’amministrazione circa l’affidamento e la gestione, del centro sociale di Le Castella e dell’asilo nido nel quartiere San Valentino.
Il consigliere Innamorato si è fatta portavoce di due segnalazioni relative al taglio della canne che ostruiscono il passaggio delle auto su via San Francesco e della mancata segnalazione del guard rail sulla rampa di discesa da via Roma verso l’Appia.
Il consigliere Di Lelio, invece, ha chiesto l’apertura con orario continuato del cimitero comunale, mentre, per ovviare al traffico caotico che si realizza all’uscita da via Tito Speri, se sia opportuno istituire l’obbligo di svolta a sinistra verso via Giovane Europa.
Il consigliere Panfili ha domandato il motivo della mancata erogazione di circa 38mila euro del Comune alla Parrocchia San Francesco.
Il consigliere Giorgi ha interrogato l’assessore Martelli sul perché, dopo l’assegnazione in bilancio di 250mila euro, si sia successivamente intervenuti con una variazione di altri 100mila in bilancio per la realizzazione di nuovi loculi al cimitero.
Martelli ha spiegato che il progetto è stato presentato dopo l’approvazione del bilancio di previsione e per realizzarlo occorrevano ulteriori 100mila euro, di qui la necessità della variazione.
Ha concluso le interrogazioni il consigliere Del Prete chiedendo se i progetti Plus, come le piste ciclabili e i pannelli per le informazioni sul traffico locale, sono a norma e se quelli ultimati hanno ricevuto il collaudo.
A questo punto il Presidente Ganelli, dopo aver messo a votazione l’approvazione del verbale del consiglio precedente, ha aperto la discussione del punto all’ordine del giorno illustrato in aula dall’assessore al Bilancio Danilo Martelli.
La rinegoziazione dei mutui attivi, in particolare quelli con debito residuo 1° luglio 2015 pari o superiori a 10mila euro aventi scadenza del piano di ammortamento successiva al 31 dicembre 2019 e non già oggetto di rinegoziazione del primo semestre dell’anno in corso, è una recente possibilità data dalla Cassa Depositi e Prestiti agli enti locali. La rinegoziazione prevede un allungamento della scadenza dei mutui alla data del 30 giugno 2020 con una diminuzione del valore finanziario delle passività totali. Sono 43 i mutui rispondenti alle caratteristiche (su 178 finanziamenti attualmente attivi presso la Cassa Depositi e Prestiti) per i quali è stata optata la scadenza del 30 giugno 2040.
“La rinegoziazione – ha detto Martelli – si pone l’obiettivo della riduzione del valore finanziario delle passività che si ottiene comparando i valori attualizzati dei prestiti prima e dopo la rinegoziazione. Globalmente la convenienza economica, con una riduzione del valore attualizzato dei flussi finanziari, è pari a 723 euro. L’operazione determina anche una diminuzione del tasso medio con una conseguenza totale pari a una riduzione della rata complessiva che per l’anno 2016 si attesta ad una diminuzione di 203.809 euro e così per circa dieci anni. Tale risparmio di spesa determina risultati positivi anche in termini di rientro dall’anticipazione di tesoreria, nonché in termini di rispetto del nuovo vincolo del pareggio di cassa”.
Alla domanda del consigliere Innamorato su quali siano gli investimenti futuri rispetto ai risparmi derivanti dalla rinegoziazione dei mutui, il sindaco Della Penna ha spiegato che la recentissima opportunità offerta dalla Cassa Depositi e Prestiti non ha dato ancora la possibilità di un confronto all’interno della maggioranza su quale sarà la scelta politica relativamente al tipo di investimento.

Merolla ha lamentato il fatto che si tratta di un risparmio virtuale, mentre Del Prete ha contestato che si tratta di un prestito con interessi piuttosto che di un risparmio.
Panfili si è detto apertamente contrario allungamento dei mutui invitando all’eliminazione di tutte le spese superflue.
Giorgi si è detta amareggiata per l’assenza di progettualità e per la certezza di gravare sulle future generazione con un debito di circa € 1.450.000,00.
La rinegoziazione dei mutui è stata approvata con 15 voti favorevoli, 5 contrari (Del Prete, Merolla, Innamorato, Giorgi, Panfili) e 2 astenuti (Di Lelio, Monti).

About Giovanni Soldato 2951 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.