4 dicembre 2016

Roma – Il Parkinson, seconda malattia neurodegenerativa al mondo dopo l’Alzheimer

 

Ogni anno in Italia circa 6.000 persone vengono colpite dalla malattia di Parkinson e in un caso su cinque hanno meno di 50 anni. Rimanere attivi il più a lungo possibile può prevenire il Parkinson e,  insieme alle terapie più avanzate e un approccio multidisciplinare, può contribuire a rallentare la progressione della malattia e migliorare la qualità della vita in tutte le sue fasi. È questo il messaggio chiave della Giornata Nazionale Parkinson che si celebra il 28 novembre e che nasce con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica nei confronti della seconda patologia neurodegenerativa più diffusa dopo l’Alzheimer.

Anche quest’anno l’IRCCS San Raffaele Pisana aderisce alla giornata, con il personale del Centro per lo studio e la cura del Parkinson e disturbi del movimento, diretto dal prof. Fabrizio Stocchi: “Abbiamo deciso di scendere in piazza – ha dichiarato il medico – portando la conoscenza del Parkinson anche al di fuori delle mura dell’Ospedale, avvicinandoci a chi il Parkinson lo vive ogni giorno e a chi invece non lo conosce”.

L’appuntamento è per venerdì 27 Novembre 2015 dalle 17.30 alle 21.30 a Piazza San Silvestro n. 28, Roma. Durante l’incontro saranno illustrate le attività del Centro Parkinson e l’équipe di Medici, Neuropsicologi, Infermieri, Fisioterapisti e Logopedisti dell’IRCCS San Raffaele Pisana di Roma, sarà a disposizione gratuitamente per rispondere alle domande dei pazienti, familiari e cittadini sulla malattia. Sarà inoltre allestita una mostra di opere realizzate da pazienti parkinsoniani e offerto un piccolo rinfresco.

IL PARKINSON IN NUMERI – Secondo un recente studio, il Parkinson, seconda malattia degenerativa per prevalenza dopo l’Alzheimer, colpisce in Italia circa 250.000 persone, numero destinato a raddoppiare nei prossimi 15 anni dal momento che ogni anno si registrano circa 6.000 nuovi casi, con un’incidenza da 1,5 a 2 volte maggiore negli uomini rispetto alle donne. Nonostante il Parkinson venga spesso etichettato erroneamente come malattia della terza età, una persona su cinque ha meno di 50 anni al momento della comparsa dei sintomi iniziali. Il campanello d’allarme della malattia sono la fatica nel camminare, i disordini del movimento e la perdita dell’equilibrio, a volte i tremori. Il costo annuale per paziente affetto da malattia di Parkinson varia fra 3.500 e 4.800 euro per il Ssn, fra 1.500 e 2.700 euro per i malati e fra 10.000 e 17.000 euro per la società. Riportando questi dati al numero di persone con malattia di Parkinson presenti in Italia, è stato calcolato che il carico totale per il Ssn, relativo a questa patologia, sia compreso fra 1,1 e 1,3 miliardi di euro e quello per la società fra 2,2 e 2,9 miliardi di euro.